Elevate proteine ​​nel sangue

Il livello di proteine ​​nel sangue umano è l'indicatore più importante della qualità del metabolismo delle proteine. Se il livello di proteine ​​aumenta, questa è la ragione per un esame completo.

Le ragioni dell'evento. Un eccesso di proteine ​​nel sangue è un segnale allarmante, che indica lo sviluppo di qualsiasi processo patologico nel corpo, ad esempio un'infezione batterica, una malattia autoimmune, ecc..

Iperproteinemia assoluta - parla dello sviluppo di malattie infiammatorie croniche. La proteina totale non supera i 90 g / l. L'aumento è dovuto ad un aumento del numero di gamma globuline e può parlare delle seguenti malattie:

sarcoidosi attiva,

epatite autoimmune,

lebbra, feci, sepsi, schistosomiasi, sifilide, malaria;

anemia sideropenica che si verifica nei casi in cui l'assimilazione di questo elemento è compromessa nel corpo o l'assunzione insufficiente di questo elemento con il cibo.

Ipoproteinemia relativa - si verifica a causa di grave disidratazione o significativa perdita di liquidi. In questo caso, si osserva un aumento dell'ematocrito. Il più delle volte si verifica quando vi è una violazione dei sentimenti di sete. La causa di questa condizione può essere:

trauma cranico e danno cerebrale, principalmente l'ipotalamo;

avvelenamento o altri disturbi digestivi, accompagnati da vomito, diarrea, perdita significativa di liquidi;

sanguinamento grave e prolungato;

sudorazione eccessiva, ad esempio, con forte surriscaldamento o temperatura corporea elevata;

insufficienza renale acuta quando la malattia è in fase poliurica.

In molti tipi di malattie, l'aumento delle proteine ​​totali non è solo nel sangue, ma anche nelle urine o nel liquido cerebrospinale, che è di grande valore diagnostico in molte aree della medicina.

Sintomi Di per sé, un aumento delle proteine ​​nel sangue non ha sintomi specifici, ma indica sempre la presenza di un processo patologico nel corpo. Maggiore è la proteina, più grave e complessa è la malattia..

Diagnostica. Un aumento delle proteine ​​nel sangue diventa evidente dai risultati di un esame del sangue clinico. Solo un medico qualificato può determinare la malattia che ha causato l'aumento delle proteine ​​nel sangue e solo dopo un esame completo.

In alcuni casi, l'aumento della quantità di proteine ​​nei risultati dello studio risulta falso, in caso di violazione della tecnologia per prelevare materiale da una vena. L'attività fisica, anche insignificante, aumenta la quantità di proteine ​​del 10% per circa un'ora. La stessa proteina aumenterà se il paziente si alza dal letto, cioè si sposta da una posizione orizzontale a una posizione verticale. È molto importante riposare prima della procedura per almeno mezz'ora, poiché è durante questo periodo che l'indicatore aumenta.

La proteina C-reattiva elevata (CRP) è la proteina dominante che attiva il sistema immunitario quando si verificano danni a tessuti, organi o sistemi. Quando un'infezione entra nel corpo umano, il livello di CRP aumenta diverse decine di volte. Il valore normale è 5 mg / l e durante un attacco di virus, questo valore può aumentare bruscamente a 100 o più mg / l.

Trattamento. Ha lo scopo di eliminare la causa, cioè una malattia che ha portato ad un aumento delle proteine ​​nel sangue.

Proteina C-reattiva aumentata nel sangue

La proteina C-reattiva (CRP, proteina C-Reactives - CRP) è un test di laboratorio abbastanza vecchio, che, come l'ESR, mostra che un processo infiammatorio acuto sta accadendo nel corpo.

Non è possibile rilevare la CRP con metodi convenzionali; in un esame del sangue biochimico, un aumento della sua concentrazione si manifesta con un aumento delle α-globuline, che rappresenta insieme ad altre proteine ​​della fase acuta. Il motivo principale della comparsa e dell'aumento della concentrazione di proteina C-reattiva sono le malattie infiammatorie acute, che danno un aumento multiplo (fino a 100 volte) di questa proteina della fase acuta dopo 6 - 12 ore dall'inizio del processo.

Oltre all'elevata sensibilità della CRP ai vari eventi che si verificano nel corpo, nel bene o nel male, risponde bene alle misure terapeutiche, quindi può essere utilizzato per controllare il decorso e il trattamento di varie condizioni patologiche, accompagnato da un aumento di questo indicatore.

Cos'è?

La proteina C reattiva è una molecola a due componenti costituita da proteine ​​(peptidi) legate covalentemente a diversi oligosaccaridi. Il nome è dovuto alla sua capacità di interagire con i polisaccaridi C dei batteri della famiglia delle streptococcacee, formando un complesso antigene-anticorpo stabile (reazione di precipitazione). Questo meccanismo si riferisce alle reazioni protettive del corpo umano alle infezioni infettive..

Con la penetrazione del patogeno, viene attivato il sistema immunitario, che stimola la sintesi di piccole molecole peptidiche - citochine. Forniscono un segnale per la manifestazione del processo infiammatorio e la necessità di migliorare la produzione di proteine ​​della fase acuta, che sono CRP. Dopo 1-2 giorni, c'è un aumento del CRP di decine e centinaia di volte rispetto ai valori normali.

È stato osservato che il livello massimo di CRP (oltre 150 mg / ml) è stato registrato nelle malattie infettive dell'eziologia batterica. Durante l'infezione virale, la concentrazione proteica non supera i 30 mg / L. La morte tissutale (necrosi) è un'altra ragione per un aumento delle proteine ​​c-reattive, tra cui infarto cardiaco, neoplasie maligne e aterosclerosi (eccesso di depositi di colesterolo nel sangue nei vasi sanguigni).

Norm CRP

Nel sangue di una persona sana, il livello di CRP è molto basso o questa proteina è completamente assente (in uno studio di laboratorio, ma questo non significa che non lo sia affatto - solo il test non cattura quantità scarse).

I seguenti limiti di valori sono accettati come normali e non dipendono dall'età e dal sesso: nei bambini, negli uomini e nelle donne è uno - fino a 5 mg / l, l'eccezione è solo per i neonati - è consentito avere fino a 15 mg / l di questa proteina in fase acuta (come evidenziato dai libri di consultazione). Tuttavia, la situazione cambia con il sospetto di sepsi: i neonatologi iniziano misure urgenti (terapia antibiotica) con un aumento della CRP in un bambino fino a 12 mg / l, mentre i medici notano che un'infezione batterica nei primi giorni di vita potrebbe non dare un forte aumento di questa proteina.

Viene prescritto uno studio di laboratorio per rilevare la proteina C-Reattivi, nel caso di molte condizioni patologiche accompagnate da infiammazione, la cui causa era un'infezione o la distruzione della normale struttura (distruzione) dei tessuti:

  1. Il periodo acuto di vari processi infiammatori;
  2. Attivazione di malattie infiammatorie croniche;
  3. Infezioni di origine virale e batterica;
  4. Reazioni allergiche del corpo;
  5. La fase attiva del reumatismo;
  6. Infarto miocardico.

Al fine di comprendere meglio il valore diagnostico di questa analisi, è necessario comprendere quali sono le proteine ​​della fase acuta, scoprire le cause del loro aspetto nel sangue del paziente ed esaminare più in dettaglio il meccanismo delle reazioni immunologiche nel processo infiammatorio acuto. Cosa proveremo a fare nella prossima sezione.

Sintomi e diagnosi

I sintomi indiretti indicano un aumento dei livelli di CRP:

  • aumento della temperatura;
  • brividi lievi;
  • tosse periodica e mancanza di respiro;
  • aumento della sudorazione generale;
  • nell'analisi generale del sangue viene registrato un aumento dell'ESR e il numero di leucociti.

Più recentemente, è stato prescritto un test proteico C-reattivo per rilevare i processi infiammatori latenti. Oggi può essere usato per valutare il rischio di disturbi cardiovascolari nelle persone che sono praticamente in salute. Questo vale principalmente per i pazienti anziani.

Le principali indicazioni per lo studio sono le seguenti:

  • sviluppo di malattie coronariche e altri disturbi che si manifestano sullo sfondo dell'aterosclerosi.
  • fissazione tempestiva di esacerbazioni dopo interventi chirurgici, come interventi di bypass o angioplastica.
  • identificazione del rischio di infarto o ictus ricorrenti.
  • valutazione dell'efficacia del trattamento con farmaci antibatterici di un'infezione batterica.
  • periodo di trattamento delle malattie cardiovascolari.
  • sospetta malignità.
  • la comparsa di segni di lupus eritematoso.
  • diagnosi della malattia di Crohn e della colite ulcerosa.

Per garantire l'affidabilità dei risultati, il test viene eseguito al mattino. Inoltre, non dovresti mangiare 12 ore prima della procedura, rinunciare temporaneamente all'attività fisica ed evitare lo stress.

Avendo registrato un aumento del livello di proteine ​​ed escludendo l'effetto sull'indicatore di fattori soggettivi, il medico determina con la terapia.

Ragioni per un aumento della proteina C-reattiva negli adulti

Esistono 3 principali gruppi di ragioni che possono portare ad un aumento del contenuto di proteina C reattiva negli adulti: il processo infiammatorio, l'oncologia e la patologia dei vasi arteriosi. Includono un numero enorme di malattie, tra le quali è necessario condurre una ricerca diagnostica.

Il grado di aumento delle proteine ​​aiuta a navigare approssimativamente patologie:

  • Meno di 19 mg / l - un leggero eccesso del valore normale può avere un fattore significativo che influenza il corpo. Tuttavia, con CRP costantemente elevato, dovrebbero essere escluse le patologie autoimmuni e oncologiche.
  • 20-50 mg / l - questo livello è più caratteristico per le malattie virali umane, come la mononucleosi, l'infezione da adenovirus o rotavirus, l'herpes e altri.
  • Più di 100 mg / l - una reazione immunitaria così forte si osserva più spesso con infezioni batteriche (polmonite microbica, salmonellosi, shigellosi, pielonefrite, ecc.)

Ma il livello di CRP è un indicatore molto approssimativo, e anche i confini di cui sopra sono abbastanza arbitrari. Succede che in un paziente con artrite reumatoide, la CRP è superiore a 100, durante un'esacerbazione. O in un paziente settico 5-6 mg / l.

All'inizio del processo infiammatorio, letteralmente nelle prime ore, la concentrazione proteica aumenterà e potrebbe essere superiore a 100 mg / l, dopo 24 ore la concentrazione massima sarà.

Possibili malattie

Le proteine ​​C-reattive saranno aumentate già nelle prime 6-8 ore dall'inizio della malattia e i suoi valori corrisponderanno alla gravità del processo (più pesante è il decorso, più alta CRP). Tali proprietà del CRP consentono di utilizzarlo come indicatore del debutto o del decorso di vari processi infiammatori e necrotici, che saranno i motivi dell'aumento dell'indicatore:

  1. Infezioni batteriche e virali;
  2. Patologia cardiaca acuta (infarto del miocardio);
  3. Malattie oncologiche (inclusa metastasi tumorale);
  4. Processi infiammatori cronici localizzati in vari organi;
  5. Interventi chirurgici (violazione dell'integrità dei tessuti);
  6. Lesioni e ustioni;
  7. Complicanze del periodo postoperatorio;
  8. Patologia ginecologica;
  9. Infezione generalizzata, sepsi.

Il CRP elevato spesso si verifica con:

Va notato che i valori dell'indicatore per diversi gruppi di malattie possono differire in modo significativo, ad esempio:

  1. Infezione virale, metastasi tumorali, malattie reumatiche che si verificano lentamente, senza sintomi gravi, danno un moderato aumento della concentrazione di CRP - fino a 30 mg / l;
  2. L'esacerbazione dei processi infiammatori cronici, le infezioni causate dalla flora batterica, gli interventi chirurgici, l'infarto acuto del miocardio possono aumentare il livello del marcatore di fase acuta di 20 o addirittura 40 volte, ma nella maggior parte dei casi, da tali condizioni, si può prevedere un aumento della concentrazione a 40-100 mg / l ;
  3. Infezioni generalizzate gravi, gravi ustioni, condizioni settiche possono sorprendere molto spiacevolmente i medici con numeri che indicano il contenuto di proteina C-reattiva, possono raggiungere valori esorbitanti (300 mg / le molto più alti).

Vale anche la pena menzionare un problema molto importante per quanto riguarda l'aumento della quantità di CRP nelle persone sane. Un'alta concentrazione di proteina C-reattiva con benessere completo esterno e l'assenza di segni di almeno una patologia suggerisce lo sviluppo di un processo oncologico. Tali pazienti devono sottoporsi a un esame approfondito..

Ragioni per gli uomini

In assenza di sintomi evidenti che suggeriscono una diagnosi specifica, si raccomanda di escludere innanzitutto queste malattie:

  1. tumori
  2. GERD;
  3. Gastrite;
  4. Ulcera / stomaco duodenale;
  5. Pancreatite
  6. colecistite;
  7. Morbo di Crohn;
  8. Colite ulcerosa.
  9. Urolitiasi (ICD);
  10. glomerulonefrite;
  11. prostatite;
  12. Infezioni a trasmissione sessuale (clamidia, micoplasma / infezione da ureaplasma, gardnerellosi, ecc.)
  13. Lesioni polmonari croniche di natura ostruttiva (bronchite cronica, enfisema);
  14. Malattie professionali (silicosi, pneumoconiosi, silicotubercolosi e altri).

Per facilitare la ricerca diagnostica, dovresti chiedere al tuo medico quali patologie sono più comuni negli uomini di mezza età e negli anziani..

Ragioni per le donne

Prima di tutto, dovrebbe essere esclusa la presenza delle seguenti patologie:

  1. Oncologia: è proprio nelle donne di età compresa tra 40 e 60 anni che si verifica spesso l'insorgenza della crescita tumorale, ad esempio il cancro al seno o il cancro cervicale. Al fine di rilevarli e trattarli tempestivamente in una fase precoce, si consiglia vivamente di sottoporsi a un esame annuale da un ginecologo, a partire da 35.
  2. Il focus dell'infezione cronica. La CRP è un eccellente indicatore di una reazione infiammatoria prolungata. Nonostante il fatto che non possano disturbare una persona (fino a un certo tempo) e non ridurre la sua qualità di vita, la loro presenza si riflette ancora nell'analisi delle proteine ​​reattive nelle donne.
  3. Malattie ginecologiche (endometriosi, endometrite, vera erosione cervicale, cervicite e altri).

In primo luogo, le ragazze hanno lesioni del tratto genito-urinario: pielonefrite cronica, cistite, uretrite, infezioni con trasmissione sessuale (clamidia, micoplasmosi, gardnerellosi, ecc.). Di seguito sono riportate le patologie dell'apparato digerente: pancreatite, colecistite cronica, disbiosi intestinale e altre.

Cause nei bambini

Esiste un gran numero di malattie causate da microrganismi, ma nei bambini le lesioni più comuni del tratto digestivo e del tratto respiratorio. Possono manifestarsi acutamente con la comparsa di sintomi pronunciati (dissenteria, salmonellosi, polmonite, SARS e altri) o svilupparsi lentamente nel corpo, causando una malattia cronica. Pertanto, possono verificarsi bronchite, tonsillite, sinusite, gastrite, ecc..

Al secondo posto, tra le cause dell'aumento della proteina C-reattiva nei bambini, vi sono le patologie parassitarie. Poiché in giovane età l'igiene del bambino si sta ancora formando, i rischi di introdurre il parassita nel corpo sono significativamente aumentati. In Russia, i seguenti tipi di questi microrganismi sono i più comuni:

Solo dopo l'esclusione delle patologie elencate, si dovrebbero cercare altri fattori nel corpo del bambino che possono aumentare la concentrazione di CRP. Naturalmente, questa fase può essere saltata se ci sono sintomi caratteristici o risultati dell'esame che confermano una diagnosi diversa..

Cosa fare e come trattare l'elevata proteina C-reattiva?

Una maggiore concentrazione di CRP, confermata da un esame del sangue biochimico, non è una conferma accurata di una malattia specifica. Questo è un indicatore dello sviluppo di una possibile patologia. Ciò a cui può essere collegato può essere determinato solo sulla base di ulteriori ricerche.

È interessante notare che se la terapia viene scelta correttamente, il livello di proteina C reattiva diminuisce rapidamente e torna alla normalità. Ad esempio, con l'uso corretto di farmaci antibatterici, un risultato positivo è notato da una diminuzione del livello di CRP entro un giorno. Se non ci sono segni evidenti di infezione batterica o virale, ma l'analisi ha mostrato una maggiore concentrazione di CRP nel sangue, è necessaria una consultazione oncologica.

Affinché qualsiasi terapia prescritta sia efficace, è necessario seguire le regole di una dieta sana e non dimenticare l'attività fisica moderata. Inoltre, devi provare a sradicare le cattive abitudini esistenti. Queste regole standard aiuteranno a ripristinare e mantenere rapidamente la salute per molti anni a venire..

Le proteine ​​totali nel sangue sono elevate: cosa significa e cosa fare?

I composti proteici nel sangue svolgono determinate funzioni. Sono coinvolti in molti processi nel corpo. Gli indicatori di proteine ​​totali nel sangue dovrebbero essere sempre normali, un indicatore aumentato indica la presenza di una serie di malattie.

Proteine ​​totali nel sangue - che cos'è?

Le proteine ​​totali sono la concentrazione di globuline e albumina. Tutti i composti proteici, così come la stessa proteina, sono composti da amminoacidi complessi. Sono attivamente coinvolti in vari processi chimici nel corpo..

Le sostanze proteiche svolgono un ruolo importante nel trasporto di nutrienti e componenti di farmaci. Inoltre, fungono da catalizzatore per il sistema immunitario..

Le proteine ​​totali sono necessarie per mantenere il livello di pH, sono coinvolte nella coagulazione del sangue.

È dovuto alle sostanze proteiche che i vasi sanguigni sono riempiti. In base al livello di proteine ​​totali, gli specialisti determinano lo stato dell'emostasi. Questo perché la proteina ha viscosità e fluidità simili..

Il prelievo di sangue per analisi per stabilire il livello di proteine ​​totali è uno dei principali metodi diagnostici per molte malattie.

Procedura di preparazione e analisi

Il sangue deve essere prelevato per l'analisi dalla vena ulnare

Prima di eseguire un esame del sangue per determinare la proteina totale, è importante che il paziente si prepari correttamente. Ciò contribuirà a ottenere dati sufficientemente affidabili e a stabilire una diagnosi accurata:

  • Prima di tutto, è importante sapere che il test viene superato a stomaco vuoto. Mangiare dovrebbe essere escluso 12 ore prima di prendere il sangue.
  • Alla vigilia dello studio, anche l'uso di succhi di frutta, caffè, tè e bevande gassate è inaccettabile. Il giorno della raccolta del sangue è consentito bere acqua bollita.
  • Il giorno prima dello studio, è necessario escludere cibi grassi, fritti e salati. L'alcool non deve essere consumato due giorni prima di prendere il sangue per l'analisi.
  • Al mattino, il giorno della consegna non è consigliabile fumare.
  • Anche l'attività fisica deve essere esclusa il giorno prima dell'esame di laboratorio. È necessario informare il medico sull'assunzione di farmaci.

Il prelievo di sangue per stabilire l'indicatore della proteina totale viene effettuato da una vena. Il paziente deve seguire tutte le raccomandazioni del medico. Prima di tutto, lo specialista chiederà di stringere e sbloccare il pugno in ordine. Alla vena si riempie di sangue. Quindi l'assistente di laboratorio fa una foratura sul gomito con un ago speciale e vi collega una provetta. Dopodiché, disegna sangue.

Dopo la procedura, dovresti piegare il braccio al gomito per cinque minuti. Immediatamente dopo la procedura, non è consigliabile uscire immediatamente. I pazienti devono sedersi vicino all'ufficio per 10-15 minuti. Se durante il prelievo di sangue si verifica un'indisposizione, è necessario informare uno specialista.

Video utile su un esame del sangue per le proteine:

Norma per età e sesso

Le proteine ​​totali normali dipendono dall'età e dal sesso del paziente..

CategoriaDonne (g / l)Uomini (g / l)
neonati42-6241-62
0-1 anno45-8046-70
1-4 anni60-7454-75
5-7 anni54-8051-79
8-17 anni60-7655-79
22-33 anni75-8082-84
34-60 anni78-8375-80
61-75 anni74-7875-78
Oltre 75 anni68-7773-77

Quando si cambiano gli indicatori, lo specialista scoprirà il motivo dell'aumento o della diminuzione del livello di proteine ​​totali.

Ragioni per l'aumento

Una condizione simile si nota solo in presenza di alcune malattie. I livelli in eccesso di proteine ​​totali possono essere assoluti o relativi. Nel primo caso, questo è associato a un cambiamento nel volume del sangue circolante, e nel secondo, con un ispessimento del plasma.

Un aumento delle proteine ​​totali si chiama iperproteinemia.

Per ragioni assolute, i livelli di proteine ​​in eccesso sono:

  • Tumori di tipo maligno che hanno il proprio metabolismo e sintetizzano attivamente le proteine.
  • Malattie infettive di forma acuta o che si verificano in uno stadio grave. Tuttavia, sono accompagnati dalla diffusione di lesioni purulente e avvelenamento del sangue.
  • Malattie autoimmuni. Questi includono il lupus, l'artrite reumatoide. Patologie simili si manifestano sotto forma di produzione di anticorpi da parte del corpo alle proprie cellule immunitarie..
  • Infezioni parassitarie Si osserva un aumento delle proteine ​​nel sangue in presenza di nematodi nell'intestino.
  • Malattie infiammatorie di tipo cronico, caratterizzate da una costante distruzione dei tessuti corporei.
  • Malattie del sistema cardiovascolare.

Le cause relative di un aumento dei livelli proteici contribuiscono a una diminuzione della concentrazione di acqua nei vasi, con conseguente disidratazione del corpo. Una condizione simile si osserva con le seguenti patologie:

  • Infezioni intestinali, che sono accompagnate da feci frequenti e sciolte. Tali malattie includono colera, dissenteria e altre. Con queste malattie, viene stabilita un'aumentata proteina nel sangue.
  • Blocco intestinale. La patologia si verifica sullo sfondo di difficoltà nel processo di assorbimento del fluido dal tratto digestivo.
  • Avvelenamento con cibo o droghe, che sono accompagnati da vomito frequente e diarrea. Il risultato è disidratazione.
  • Sanguinamento intenso. Sullo sfondo della loro presenza, si nota una grande perdita di liquido, che provoca un aumento delle proteine ​​totali.
  • Uso a lungo termine di farmaci del gruppo corticosteroide. Provocano un aumento della vitamina A.

È impossibile stabilire la causa dell'alta proteina totale nel corpo sulla base dei risultati degli esami del sangue di laboratorio. Per questo, al paziente vengono assegnati numerosi altri studi. Inoltre, nella diagnosi, il medico fa affidamento sui sintomi e sulla storia del paziente.

Proteine ​​totali nel sangue durante la gravidanza

Durante la gravidanza, il corpo femminile subisce alcuni cambiamenti. Sono espressi non solo esternamente. Nelle prime fasi, si osservano solo quelli interni, riguardanti un cambiamento nel livello di determinate sostanze nel corpo, compresa la proteina totale.

Ma durante la gravidanza, questo indicatore diminuisce leggermente, all'aumentare del volume del sangue. Nei casi in cui l'indicatore viene superato in modo significativo ed è più del normale, è necessario chiarire la causa di tali deviazioni.

Le cause di un aumento delle proteine ​​nel sangue di una donna incinta possono essere:

  1. Malattie infettive di natura acuta del corso.
  2. La presenza di formazioni maligne quando la proteina inizia a essere sintetizzata in quantità maggiori di quanto necessario.
  3. Malattie autoimmuni come epatite cronica, lupus eritematoso sistemico, artrite reattiva e altri.
  4. Mancanza di liquidi nel corpo contro diarrea, vomito o ostruzione intestinale.

L'identificazione tempestiva delle cause di questa condizione eliminerà lo sviluppo di complicanze e una serie di patologie fetali.

Come normalizzare l'indicatore?

Con un aumento delle proteine ​​totali nel sangue, è necessario visitare un medico che prescriverà ulteriori studi e metodi diagnostici strumentali per identificare la causa e lo scopo del trattamento.

È importante che i pazienti sappiano che l'automedicazione e l'uso di metodi tradizionali di medicina possono causare complicazioni.

La terapia con un aumento delle proteine ​​totali dipende dalla causa dei cambiamenti:

  • Quando si determina la presenza di parassiti nel tratto digestivo, vengono prescritti farmaci in grado di far fronte a un agente patogeno specifico. Ai pazienti vengono prescritti agenti antibatterici ad ampio spettro che possono neutralizzare l'effetto delle tossine. È importante mantenere molta acqua..
  • Nei casi in cui la causa dell'aumento della proteina totale nel plasma sono le malattie infettive, come infezioni virali respiratorie acute o infezioni respiratorie acute, sono indicati farmaci antivirali e mezzi per rafforzare il sistema immunitario. Sono utilizzati nei casi in cui virus di vario tipo sono diventati la causa dello sviluppo della malattia. Con la natura batterica dell'insorgenza della malattia, vengono utilizzati antibiotici antipiretici. Anche i pazienti hanno bisogno di molta acqua..
  • Quando si stabiliscono malattie cardiovascolari, il trattamento viene effettuato in ambiente ospedaliero. Il corso della terapia viene selezionato tenendo conto della patologia e delle caratteristiche del corpo del paziente.

Raccomandazioni nutrizionali

Per normalizzare l'indicatore delle proteine ​​totali, si raccomanda ai pazienti di seguire una dieta speciale. Dalla dieta è necessario escludere carne di pollo e di manzo, uova e ridurre il numero di verdure. Una grande quantità di proteine ​​si trova anche nei prodotti lattiero-caseari. Anche il loro numero dovrebbe essere limitato..

Spinaci, maiale, broccoli, alghe, pane di segale dovrebbero essere esclusi dalla dieta. I pazienti devono introdurre zuppe magre, grano saraceno, frutta.

I piatti devono essere cotti a vapore o in umido.

Seguire una dieta non aiuterà a sbarazzarsi della causa di un aumento delle proteine ​​nel sangue, ma eliminerà i spiacevoli sintomi associati a questi cambiamenti. Tra questi ci sono vomito, diarrea, disidratazione e altri.

Qual è il pericolo di proteine ​​elevate?

L'aumento delle proteine ​​totali nel sangue può essere un segno di cancro

Quando si stabilisce un indicatore aumentato di proteine ​​totali nel sangue, è necessario consultare uno specialista. La mancanza di terapia in presenza di tali cambiamenti porta allo sviluppo di varie complicazioni.

Tra questi si osservano:

  • Disidratazione significativa con vomito o diarrea prolungati.
  • Complicanze associate a malattie cardiovascolari, come trombosi, insufficienza cardiaca, artrosi.
  • Forte intossicazione del corpo a causa della diffusione di parassiti nel tratto gastrointestinale.
  • Lo sviluppo del processo infiammatorio.
  • La formazione di lesioni metastatiche in presenza di neoplasie maligne.

Ecco perché le malattie associate ad un aumento del livello di proteine ​​totali dovrebbero essere trattate in modo tempestivo..

Maggiori informazioni sugli indicatori di un esame del sangue biochimico sono disponibili nel video:

Al fine di escludere un aumento delle proteine ​​totali nel sangue e lo sviluppo di una serie di malattie o complicanze associate a tali cambiamenti, si raccomanda di osservare una serie di misure preventive:

  1. Rafforzare il sistema immunitario. Per fare questo, assumere complessi vitaminici in autunno e in primavera, introdurre frutta e verdura nella dieta.
  2. Smetti di mangiare cibo spazzatura, come cibi istantanei o fast food.
  3. Bevi abbastanza liquidi.
  4. Lavarsi le mani con sapone antibatterico dopo aver mangiato, andare in bagno e prima di mangiare..
  5. Regolarmente e tempestivamente per fare tutte le vaccinazioni. Ridurranno la probabilità di contrarre malattie infettive..
  6. Abbandona le cattive abitudini come bere alcolici e fumare.
  7. Essere all'aria aperta ogni giorno. Per le passeggiate, si consiglia di scegliere parchi e vicoli..
  8. Fai sport, fai esercizi mattutini. Gli esperti raccomandano attività all'aperto.
  9. Evitare il contatto con i malati, essere in un periodo di alta incidenza di influenza e SARS in luoghi affollati.

Tali misure preventive aiuteranno a ridurre il rischio di sviluppare malattie che sono accompagnate da un aumento del livello di proteine ​​totali nel plasma sanguigno..

Un aumento delle proteine ​​plasmatiche totali si verifica sullo sfondo di una serie di malattie e disturbi. Per motivi fisiologici, l'indicatore non aumenta. Ecco perché quando si stabiliscono tali cambiamenti dovrebbero essere sottoposti a un esame completo, che aiuterà lo specialista a scoprire la causa del loro verificarsi.

La mancanza di terapia può causare gravi conseguenze. È anche importante che i pazienti ricordino che l'automedicazione è pericolosa per la salute. Ciò è dovuto al fatto che un aumento delle proteine ​​totali può essere innescato dallo sviluppo di malattie cardiovascolari..

Con una proteina reattiva elevata - cosa significa per un adulto, quanto dovrebbe essere normale

Secondo l'OMS, le patologie del sistema cardiovascolare (CVS) occupano una posizione di primo piano tra le cause di morte nelle persone di tutto il mondo. Questo fatto determina l'importanza di identificare le deviazioni dalla norma in una fase iniziale. Sono necessarie analisi di laboratorio per rilevare il livello di proteina c-reattiva (CRP) nel sangue per valutare il rischio di malattie del CCC e prevederne il risultato, nonché per identificare il processo infiammatorio. Di particolare importanza è lo studio, se necessario, della selezione di un'adeguata terapia antibiotica o nella correzione di metodi già selezionati.

Cos'è la proteina c-reattiva e quanto dovrebbe essere la norma?

La proteina C reattiva è una molecola a due componenti costituita da proteine ​​(peptidi) legate covalentemente a diversi oligosaccaridi. Il nome è dovuto alla sua capacità di interagire con i polisaccaridi C dei batteri della famiglia delle streptococcacee, formando un complesso antigene-anticorpo stabile (reazione di precipitazione). Questo meccanismo si riferisce alle reazioni protettive del corpo umano alle infezioni infettive..

Con la penetrazione del patogeno, viene attivato il sistema immunitario, che stimola la sintesi di piccole molecole peptidiche - citochine. Forniscono un segnale per la manifestazione del processo infiammatorio e la necessità di migliorare la produzione di proteine ​​della fase acuta, che sono CRP. Dopo 1-2 giorni, c'è un aumento del CRP di decine e centinaia di volte rispetto ai valori normali.

È stato osservato che il livello massimo di CRP (oltre 150 mg / ml) è stato registrato nelle malattie infettive dell'eziologia batterica. Durante l'infezione virale, la concentrazione proteica non supera i 30 mg / L. La morte tissutale (necrosi) è un'altra ragione per un aumento delle proteine ​​c-reattive, tra cui infarto cardiaco, neoplasie maligne e aterosclerosi (eccesso di depositi di colesterolo nel sangue nei vasi sanguigni).

Funzione fisiologica di CRP

La CRP viene definita proteina della fase acuta del processo infiammatorio, partecipa attivamente a:

  • l'inizio della cascata di reazioni enzimatiche del sistema di complimenti;
  • rafforzare il processo di produzione di monociti - globuli bianchi in grado di attuare il processo di fagocitosi di particelle estranee relativamente grandi;
  • stimolare la sintesi di molecole di adesione, che sono necessarie per l'attaccamento delle cellule immunitarie alla superficie di un agente infettivo;
  • il processo di legame e conversione delle lipoproteine ​​a bassa densità (colesterolo "cattivo"), il cui accumulo aumenta indirettamente il rischio di sviluppare patologie CVS.

Pertanto, l'importanza della proteina c-reattiva per il corpo umano è difficile da sopravvalutare, poiché senza di essa è impossibile proteggere completamente dai microrganismi patogeni estranei.

Esame del sangue con proteine ​​reattive

La quantificazione quantitativa della CRP è una tecnica implementata in laboratori privati ​​e pubblici. La scadenza, senza contare il giorno di assunzione del biomateriale, non supera 1 giorno. Tuttavia, l'ottenimento dei risultati può essere ritardato a causa dell'elevato carico di lavoro del laboratorio..

L'analisi viene eseguita utilizzando il metodo di immunoturbidimetria, la cui essenza è determinare il grado di torbidità della soluzione in presenza o in assenza della formazione di un "antigene-anticorpo" complesso stabile. I vantaggi del metodo includono basso costo, un alto grado di affidabilità e la possibilità di ottenere risultati quantitativi.

La tecnica è divisa in analisi con un grado di sensibilità normale e aumentato. È necessario un esame del sangue altamente sensibile per diagnosticare la presenza non solo di un processo infiammatorio acuto, ma anche cronico nei vasi sanguigni, nonché di una prima forma di aterosclerosi. Il livello minimo rilevabile di CRP è 0,1 mg / L.

Segni di elevata proteina C-reattiva

I sintomi della CRP elevata corrispondono al quadro clinico della malattia che ha causato questa condizione patologica. Spesso, i pazienti hanno un forte aumento della temperatura corporea (febbre), dolori articolari, nausea e vomito, nonché uno stato generale di debolezza e aumento della sonnolenza.

L'oncologia può verificarsi a lungo senza la manifestazione di segni tipici. Il quadro clinico classico può svilupparsi nelle fasi 3-4 del tumore, quando una neoplasia maligna porta alla necrosi tissutale e alla diffusione delle metastasi.

Il pericolo di aterosclerosi è un decorso asintomatico prolungato. Con questa malattia, il rischio di infarto del miocardio, che può portare alla morte, è significativamente aumentato..

Pertanto, è estremamente importante sottoporsi a un esame preventivo programmato annuale, che include una serie di analisi cliniche e biochimiche generali obbligatorie e spesso specifici marcatori di laboratorio (se indicato).

Indicazioni per il test

Un test per la proteina c-reattiva nel sangue è prescritto per:

  • la necessità di identificare i processi infiammatori derivanti da patologie autoimmuni o infestazioni infettive;
  • valutazione dell'efficacia delle tattiche scelte per il trattamento delle malattie infettive;
  • differenziazione dell'infezione batterica da quella virale;
  • determinare la gravità di una malattia infiammatoria o autoimmune;
  • monitoraggio postoperatorio e prevenzione delle complicanze infettive;
  • decidere la necessità di una terapia antibiotica, nonché la durata del corso;
  • fare una previsione, anche letale, sullo sfondo della necrosi pancreatica;
  • analisi dell'estensione e dell'estensione del tessuto danneggiato con neoplasie maligne;
  • differenziazione di alcune condizioni patologiche simili nei sintomi e nelle manifestazioni. Ad esempio: con l'enterite granulomatosa, la proteina c-reattiva è elevata e con la colite ulcerosa è ridotta;
  • monitoraggio continuo dell'attività delle patologie croniche.

Un esame del sangue per la proteina c-reattiva nei neonati viene eseguito in caso di sospetta sepsi. È caratterizzato da infezione da microrganismi patogeni non dei singoli organi e tessuti, ma dell'intero corpo umano nel suo insieme. La condizione è pericolosa per la vita.

Indicatori di norme per adulti e bambini

Importante: solo il medico curante può decifrare i risultati degli esami del sangue, determinare la diagnosi e selezionare i metodi di trattamento.

Va notato che l'uso del test CRP nell'esame di un paziente è inaccettabile. Per la diagnosi finale, vengono presi in considerazione i dati di altri test di laboratorio e metodi diagnostici strumentali, nonché la storia del paziente.

La norma della proteina c-reattiva nelle donne e negli uomini varia a seconda del grado di sensibilità del metodo utilizzato ed è presentata nella tabella.

Il grado di sensibilità del metodoValori normali, mg / l
Normale0 - 5
alto0 - 1

Va notato che la norma della proteina c-reattiva nei bambini è simile agli adulti e non deve superare i valori di riferimento (normali) indicati.

La norma della proteina reattiva nelle donne dopo 50 anni corrisponde anche ai valori standard, mentre anche un leggero aumento degli indicatori di riferimento è una ragione sufficiente per un esame completo.

CRP Risk Assessment

Importante: per valutare il rischio di infarto, è consentito l'uso di una tecnica estremamente sensibile. Il test con sensibilità normale non consente di determinare la probabilità di sviluppare un infarto o altre malattie del CVS.

È stata stabilita una relazione diretta tra il livello di CRP e il grado di rischio di patologie CVD, nonché le loro complicanze. Pertanto, valori normali non superiori a 1 mg / l sono caratteristici di una bassa probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari. La concentrazione del criterio di laboratorio considerato da 1 a 3 mg / l è correlata al rischio medio di sviluppare aterosclerosi e, di conseguenza, infarto miocardico. Un aumento del valore a 3 mg / le altro indica un'alta probabilità di patologie vascolari e cardiache.

Un aumento della CRP a 10 mg / l o più è una ragione sufficiente per un ulteriore esame per identificare malattie infettive, eziologia virale o batterica.

Va notato che, in termini comparativi, i pazienti con livelli aumentati di CRP e normali indicatori di colesterolo "cattivo" sono caratterizzati da un rischio più elevato di sviluppare patologie CVD rispetto alle persone con CRP nell'intervallo normale e colesterolo alto.

Se una persona con malattia coronarica registra valori elevati del criterio considerato, allora possiamo parlare del pericoloso rischio di recidiva di infarto o ictus, nonché dell'elevata probabilità di complicanze dopo l'innesto di bypass dell'arteria coronarica.

Cosa significa se un adulto ha un aumento della proteina c-reattiva?

Le ragioni dell'aumento della proteina c-reattiva in un bambino e in un paziente adulto possono essere diverse, il che consente di classificare lo studio come poco specifico. L'elenco dei possibili motivi:

  • forma acuta di infezione da virus (aumento nell'intervallo 10-30 g / l) o batteri (da 40 a 100 mg / ml e in casi gravi di infezione - fino a 200 mg / l);
  • patologie autoimmuni (artrite, vasculite, poliartrite);
  • alcune linfoadenopatie;
  • ampio danno all'integrità dei tessuti e degli organi: chirurgia, trauma, forma acuta di pancreatite, necrosi del tessuto pancreatico, infarto, ictus (fino a 100 mg / l);
  • la penetrazione di microrganismi patogeni nel tessuto della valvola cardiaca;
  • cancro accompagnato dalla diffusione di metastasi;
  • gravi ustioni e sepsi (oltre 300 mg / l);
  • produzione eccessiva di ormoni sessuali femminili (estrogeni e progesterone). Il che spiega l'aumento della CRP nel sangue delle donne durante la gravidanza, nonché durante l'assunzione di contraccettivi orali. Tuttavia, va tenuto presente che una deviazione significativa dalla norma (2 o più volte) indica lo sviluppo della malattia e richiede un ulteriore esame immediato.

Si noti che un leggero eccesso della norma è registrato nel diabete mellito, aumento della pressione sanguigna e in presenza di sovrappeso nell'uomo.

Preparazione per la consegna di biomateriale

Il biomateriale per il test è il siero del sangue venoso prelevato da uno specialista della vena cubitale sul gomito. Oltre il 70% degli errori viene commesso nella fase preanalitica: nella fase di preparazione del paziente e con un'attuazione errata della procedura per il prelievo di sangue. Pertanto, l'affidabilità dei risultati ottenuti dipende non solo dall'esatta attuazione della configurazione del test in laboratorio, ma anche dalla corretta preparazione del paziente.

È necessario donare il sangue al mattino rigorosamente a stomaco vuoto, l'intervallo di tempo minimo dopo l'ultimo pasto dovrebbe essere di 12 ore. Inoltre, mezz'ora prima della consegna del biomateriale, al paziente è vietato fumare e provare tensione fisica ed emotiva. Anche l'allenamento sportivo la sera prima della visita mattutina al laboratorio dovrebbe essere annullato..

Per 2 giorni, è necessario escludere l'uso di eventuali farmaci, dopo aver consultato il medico. Questa regola è di particolare importanza per le persone che usano i seguenti medicinali:

  • aspirina ®;
  • ibuprofene ®;
  • steroidi;
  • farmaci ipolipemizzanti;
  • beta-bloccanti.

Questo fatto è dovuto alla capacità dei suddetti farmaci di ridurre temporaneamente la concentrazione dei criteri di laboratorio in questione. Trascurare la regola può portare a risultati falsi negativi e, di conseguenza, ritardare la nomina del trattamento necessario.

È estremamente importante adottare un approccio responsabile alla salute ed essere consapevoli del fatto che prima viene rilevata una malattia, più facile sarà curare e più favorevole sarà la prognosi del risultato per il paziente.

Laureata, nel 2014 si è laureata con lode presso l'istituto educativo di istruzione superiore del bilancio statale presso l'Università di Stato di Orenburg con una laurea in microbiologia. Laurea in studi post-laurea FSBEI dell'Università Statale Agraria di Orenburg.

Nel 2015 l'Istituto di simbiosi cellulare e intracellulare del ramo degli Urali dell'Accademia delle scienze russa ha seguito una formazione avanzata sul programma professionale aggiuntivo "Batteriologia".

Vincitore del concorso tutto russo per il miglior lavoro scientifico nella nomination "Biological Sciences" del 2017.

Alto contenuto di proteine ​​nel sangue - cosa significa?

Le proteine ​​totali nel sangue sono elevate

Cos'è la proteina totale??

Le proteine ​​totali sono il nome collettivo di tutti i polipeptidi e le proteine ​​complesse contenute nel sangue umano. In un esame del sangue biochimico, questo indicatore è il più comune, in quanto consente al medico di capire se il paziente ha anomalie nel metabolismo delle proteine. Per chiarire la diagnosi quando si discostano dai valori normali, saranno necessari ulteriori test per stabilire quale frazione (parte) manca o viene prodotta in eccesso.

Il siero umano contiene più di 90 tipi di proteine, ognuna delle quali svolge solo la sua funzione intrinseca, ma è tutt'altro che necessario determinarne una per il trattamento e la diagnosi. Un esame del sangue per le proteine ​​totali rivela deviazioni nel contenuto ematico totale dei seguenti gruppi delle proteine ​​più importanti:

  1. Albumina - prodotta dalle cellule del fegato, costituisce la maggior parte delle proteine ​​del sangue;
  2. Le globuline sono i componenti più importanti del sistema immunitario del corpo;
  3. Il fibrinogeno è uno dei principali enzimi del sistema di coagulazione del sangue;
  4. Lipoproteine ​​a bassa e alta densità - proteine ​​responsabili del trasferimento e dell'utilizzo del colesterolo.

Dopo un semplice elenco, si può vedere che l'analisi consente di identificare anomalie nel lavoro di molti organi e sistemi: ematopoietico, sistema di coagulazione del sangue, sistema metabolico (metabolismo), sistema escretore del fegato e dei reni.

Tipi di iperproteinemia (alto contenuto proteico)

Nella pratica clinica, i tipi di iperproteinemia si distinguono molto spesso in base ai fattori che l'hanno causata. I principali e più comuni includono:

  • Iperproteinemia fisiologica - osservata quando si mangia con un alto contenuto di proteine ​​animali e vegetali, nonché durante il periodo di recupero dopo un intenso sforzo fisico. Questo aumento delle proteine ​​totali è a breve termine e di solito non pronunciato.
  • L'iperproteinemia causata da un processo infettivo può essere considerata un'opzione fisiologica, poiché è di natura protettiva e consente al corpo di affrontare rapidamente un agente infettivo (virus, batteri o protozoi). Si verifica principalmente durante un processo infiammatorio acuto, nonché in caso di febbre, febbre, disidratazione. Di norma, la proteina totale sale a limiti insignificanti, principalmente a causa della rapida produzione di globuline - componenti protettivi del sistema immunitario.
  • Iperproteinemia derivante da un malfunzionamento del sistema escretore - molto spesso sarà pronunciato, i risultati sono molte volte superiori ai valori normali. Indica una diminuzione o completo fallimento della funzione renale..
  • L'iperproteinemia causata da neoplasie maligne - può essere osservata con qualsiasi malattia oncologica, ma è più pronunciata con il mieloma.

Inoltre, l'iperproteinemia può essere suddivisa nei seguenti gruppi:

  1. Primario - causato da malattie del sistema sanguigno, incluso il cancro;
  2. Secondario - è una conseguenza di malattie di altri organi e sistemi. In questo caso, un aumento delle proteine ​​totali è solo uno dei sintomi;
  3. Falso - causato da errori nella preparazione all'analisi, tecnica di prelievo del sangue.

Cause di aumento delle proteine ​​totali nel sangue

Le ragioni più innocue per aumentare le proteine ​​totali sono gli errori nella dieta, quando una persona mangia molto più cibo proteico di quello di cui ha bisogno. Il secondo motivo comune è l'assunzione di una quantità insufficiente di liquido, che porta alla disidratazione. Molto spesso questo si osserva in pazienti che soffrono di disturbi digestivi acuti, accompagnati da vomito e diarrea.

Tuttavia, un aumento significativo delle proteine ​​totali indica più spesso malattie gravi, pertanto deve essere interpretato solo dal medico curante. Nella maggior parte dei casi, sono necessari ulteriori studi per stabilire la diagnosi corretta..

Come si manifesta un elevato contenuto di proteine?

Le ragioni dell'aumento della concentrazione di proteine ​​totali nel sangue sono diverse, pertanto è possibile distinguere contemporaneamente diversi gruppi di sintomi che possono disturbare una persona malata. Spesso c'è uno o due segni o sintomi sono completamente assenti. Il paziente può essere disturbato da:

  • Aumento della temperatura corporea, brividi, manifestazioni crescenti di una patologia infettiva (tosse, dolori al petto o allo stomaco);
  • Sintomi di danno epatico: un odore sgradevole e dolce dalla cavità orale, un gusto amaro, dolore e pesantezza nella parte destra dell'addome;
  • Sintomi di compromissione della funzionalità renale: aumento della quantità di urina giornaliera, alterazioni del colore, comparsa di edema mattutino;
  • Manifestazioni non specifiche che possono essere caratteristiche delle malattie oncologiche: perdita di peso con un'alimentazione costante adeguata, sensazione di debolezza, mal di testa.

Perché alti livelli di proteine ​​sono pericolosi?

Un alto livello di proteine ​​totali, caratteristiche di gravi patologie, è pericoloso aumentando l'intossicazione del corpo dai prodotti di decomposizione di questi componenti "non necessari". La pressione oncotica (tissutale) viene gravemente interrotta, a causa della quale sempre più fluido che avrebbe dovuto essere nei tessuti entra nel flusso sanguigno. Tutto ciò porta a disidratazione e ancor più aggravamento della patologia esistente di organi o interi sistemi, il corpo smette di far fronte alla malattia..

Va ricordato che un aumento delle proteine ​​totali in un esame del sangue biochimico è un'occasione per fissare immediatamente un appuntamento con il medico, solo lui può determinare con precisione i motivi che hanno causato questo aumento.

Indicazioni per lo studio

Lo studio è prescritto per le seguenti malattie disponibili per correggere le tattiche di trattamento:

  • Infezioni croniche e acute;
  • Malattie del tessuto connettivo;
  • Malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, collagenosi);
  • Malattie del fegato (epatite virale e non infettiva, cirrosi);
  • Malattia renale (glomerulonefrite, pielonefrite);
  • Malattie oncologiche;
  • Malattie del sistema sanguigno (porpora iperproteinemica, DIC);
  • Condizioni dopo gravi lesioni, ustioni, interventi chirurgici massicci.

Prepararsi per un test proteico

La preparazione per l'analisi è quella di eliminare quei fattori che possono influenzare negativamente la sua precisione:

  • Bere una quantità sufficiente di liquido - il sangue dovrebbe essere preso a stomaco vuoto, tuttavia, non è consigliabile escludere l'uso di acqua;
  • L'eccezione è l'eccesso di cibo: un giorno prima dell'analisi, è necessario astenersi dal mangiare una grande quantità di carne, pesce;
  • Riduzione del carico sportivo: non è consigliabile praticare sport 1-2 giorni prima del test.

Correzione di iperproteinemia

Non è possibile regolare in modo indipendente questo indicatore, poiché nella maggior parte dei casi è semplicemente uno dei sintomi di una malattia esistente. I medici lo prescrivono per determinare la gravità della patologia, nonché per stabilire la diagnosi con precisione..

Nei casi in cui un aumento del livello di proteine ​​totali è causato da disturbi alimentari, è sufficiente cambiare la dieta a favore di un maggiore consumo di alimenti vegetali e l'indicatore stesso tornerà alla normalità in poche settimane.

Prevenzione avanzata

La prevenzione dell'iperproteinemia è la rilevazione e il trattamento tempestivi delle malattie del sistema escretore, della formazione del sangue e delle malattie oncologiche. Esami del sangue e delle urine regolari aiuteranno in questa materia: per gli adulti, è necessario essere esaminati almeno una volta all'anno e per le persone anziane - almeno una volta ogni sei mesi.

Inoltre, è necessario includere nella dieta una quantità sufficiente di frutta e verdura, per evitare di mangiare troppo la carne. L'Organizzazione mondiale della sanità raccomanda che gli adulti consumino almeno 500 grammi di verdura, erbe e frutta ogni giorno. Allo stesso tempo, la domanda di carne, indipendentemente dal sesso, rimane piuttosto modesta: non più di 160-180 g., Questa è solo una porzione al giorno.

Se la proteina nel sangue è elevata, cosa significa

Le proteine ​​nel sangue durante l'analisi biochimica possono dire molto sullo stato di salute. In questo caso, la proteina è un concetto combinato, poiché esistono concetti di una proteina comune, ma esistono frazioni separate. E tutte queste frazioni sono importanti per il corpo umano..

Il 54% del sangue umano è costituito da plasma e il 46% degli elementi formati (eritrociti, piastrine, cellule leucocitarie). Il plasma è la parte liquida del sangue contenente acqua, una sospensione di proteine, composti organici non proteici e sali inorganici. Normalmente, circa il 6-8% del plasma totale è costituito da proteine. Le proteine ​​plasmatiche più importanti sono l'albumina, le frazioni di globulina e il fibrinogeno..

Proteine ​​totali nel sangue - che cos'è

La proteina totale è costituita da albumina, fibrinogeno e quattro frazioni di globulina (alfa1, alfa2, beta e gamma globuline). La separazione delle proteine ​​in frazioni si basa sulla loro mobilità durante l'elettroforesi.

Inoltre, le proteine ​​nel sangue variano in solubilità. Le albumine sono un tipo di proteina solubile in acqua, le globuline richiedono la presenza di sali per dissolversi.

Quasi tutte le proteine ​​(tranne le immunoglobuline e gli ormoni peptidici) sono sintetizzate dalle cellule del fegato. I plasmociti sono responsabili della sintesi di immunoglobuline e la produzione di ormoni peptidici viene effettuata dalle ghiandole del sistema endocrino.

I livelli di albumina possono aumentare con disidratazione e coagulazione del sangue. Un aumento di questa frazione si osserva nelle malattie dell'intestino e del fegato, nonché in presenza di focolai di infezione purulenta nel corpo.

Le proteine ​​della fase acuta (proteine ​​C-reattive, aptoglobine, fibrinogeno, ecc.) Sono le prime a reagire alla presenza di un processo infiammatorio infettivo..

La durata della vita delle proteine ​​nel sangue varia da alcuni giorni a diverse settimane. L'utilizzo di proteine ​​"invecchiate" avviene nel fegato con l'aiuto dell'endocitosi.

Il ruolo delle proteine ​​nel corpo

Quantitativamente, la maggior parte delle proteine ​​totali è rappresentata dall'albumina (transtiretina e albumina). Costituiscono dal 50 al 70% della proteina totale nel sangue.

La transtiretina è prealbumina. Questa proteina del sangue è responsabile del trasporto degli ormoni tiroidei: tiroxina e triiodotironina.

L'albumina funge da riserva proteica, mantiene l'equilibrio osmotico colloidale del sangue ed è responsabile del legame e del trasporto di AF (acidi grassi), bilirubina e acidi biliari e SG (ormoni steroidei). L'albumina trasporta anche ioni di calcio e magnesio inorganici..

A cosa servono le globuline?

Le globuline alfa includono:

  • alfa1 - antitripsina, che agisce da inibitore degli enzimi proteolitici;
  • proteina legante la tiroxina nel sangue, che lega e trasporta l'ormone tiroideo - tiroxina;
  • proteine ​​leganti il ​​retinolo che trasportano vitamina A (retinolo);
  • protrombina, che è il secondo fattore nella coagulazione del sangue;
  • lipoproteine ​​che trasportano lipidi;
  • proteina del sangue che lega la vitamina D che lega e trasferisce il calciferolo;
  • macroglobulina che trasporta zinco e proteinasi;
  • antitrombina 3, un processo inibitorio della coagulazione del sangue;
  • ceruloplasmina che trasporta ioni rame;
  • Transcortina legante gli ormoni (cortisolo e corticosterone).

Leggi anche sull'argomento.

La frazione proteica del sangue della beta-globulina è suddivisa in:

  • transferrina, responsabile del legame e del trasferimento del ferro;
  • gemma di trasporto dell'emopexina;
  • fibrinogeno, che è il primo fattore nella coagulazione del sangue;
  • globulina che trasporta ormoni sessuali maschili e femminili (testosterone ed estrogeni);
  • Proteina C reattiva nel sangue (proteina della fase acuta, la prima a rispondere a una reazione infiammatoria acuta);
  • Transcobalamin che trasporta la cianocobalamina (vitamina B12).

La frazione di proteine ​​totali nel sangue, rappresentata dalle gamma globuline, comprende immunoglobuline:

  • IgG correlate a specifici fattori di difesa umorale;
  • IgM coinvolte nel fornire una risposta immunitaria primaria;
  • IgA, prevenendo il fissaggio di microrganismi patogeni sulle mucose;
  • IgE, fornendo piena immunità antiparassitaria e partecipando a reazioni di genesi allergica;
  • Recettori IgD per cellule di linfociti b.

Indicazioni per l'analisi delle proteine ​​totali nel sangue

La proteina totale nella norma del sangue negli uomini e nelle donne deve essere valutata con:

  • patologie acute e croniche di natura infettiva e infiammatoria;
  • rigonfiamento;
  • patologie autoimmuni sistemiche accompagnate da danni al tessuto connettivo (collagenosi);
  • disidratazione, diarrea, vomito indomito;
  • danno ai reni o al fegato (specialmente nelle malattie che violano la funzione di sintesi proteica del fegato - cirrosi, epatite, ecc.);
  • neoplasie maligne;
  • immunodeficienze;
  • disturbi metabolici;
  • pancreatite acuta e cronica (durante l'esacerbazione);
  • terapia con glucocorticosteroidi;
  • disturbi alimentari (specialmente con diete o digiuno prolungato);
  • alterato assorbimento nell'intestino (sindrome da malassorbimento);
  • ustioni termiche.

Inoltre, le proteine ​​del sangue totale devono essere testate nelle donne durante la gravidanza, in particolare con la comparsa di edema grave..

Preparazione all'analisi

Le proteine ​​nel sangue devono essere valutate a stomaco vuoto, l'assunzione di cibo è esclusa dodici ore prima del test. L'uso di tè, caffè, succo di frutta e bevande gassate alla vigilia dello studio non è consentito. Al mattino puoi bere acqua bollita ordinaria.

Il giorno prima dello studio elimina l'uso di cibi grassi e fritti.

Si consiglia di escludere l'assunzione di alcol 48 ore prima del prelievo di sangue. Al mattino, prima di prendere il sangue, è consigliabile non fumare.

Inoltre, il giorno prima del prelievo di sangue, l'attività fisica è esclusa.

Proteine ​​totali nel sangue. Norm e cosa può influenzare i risultati dello studio

È possibile osservare un aumento delle proteine ​​nel sangue durante il trattamento con androgeni, clofibrato, corticotropina, corticosteroidi, adrenalina, ormoni tiroidei, insulina, progesterone.

Le proteine ​​nel sangue possono diminuire con la terapia con allopurinolo o estrogeni.

Una proteina falsamente elevata nel sangue può essere osservata con attività fisica attiva prima dello studio.

Quando si applica un laccio emostatico eccessivamente stretto o un lavoro attivo con la mano, anche le proteine ​​nel sangue possono essere falsamente elevate.

Età normale

La proteina totale nella norma del sangue nei pazienti di età superiore ai 16 anni va da 65 a 85 grammi per litro.

La norma proteica totale nei bambini è presentata nella tabella:

Tasso di frazione

In alcuni laboratori, il risultato dello studio sulle frazioni può essere registrato in percentuale: (frazione di test / proteine ​​totali nel sangue) * 100%

E 'Importante Essere Consapevoli Di Vasculite