Malattia cerebrovascolare: cos'è, cause della malattia, sintomi e opzioni di trattamento

Dall'articolo imparerai a conoscere la malattia cerebrovascolare, le cause e il meccanismo dello sviluppo della patologia, i sintomi e le manifestazioni, il trattamento e la prevenzione della malattia.

La malattia cerebrovascolare è una condizione patologica dei vasi cerebrali che provoca un disturbo del flusso sanguigno cerebrale con un rischio di esito ictus.

Informazione Generale

La malattia cerebrovascolare, o CVB, è una malattia che causa patologia dei vasi cerebrali e, di conseguenza, una violazione della circolazione cerebrale. Tipicamente, CVB si sviluppa con aterosclerosi e ipertensione. La malattia è estremamente pericolosa, prima di tutto, perché molto spesso il suo stadio finale è un ictus: una grave violazione della circolazione sanguigna del cervello, che porta alla morte o alla disabilità.

Si distinguono i tipi di malattie cerebrovascolari acute e croniche. L'acuto include:

  • encefalopatia ipertensiva acuta;
  • attacco ischemico a transistor;
  • ictus emorragico o ischemico.

La forma cronica di CVB è l'encefalopatia discircolatoria, che, a sua volta, è divisa in tipi:

  • trombosi cerebrale. Restringimento e blocco dei vasi sanguigni da coaguli di sangue o placche;
  • embolia cerebrale. Blocco vascolare con coaguli formati in arterie più grandi (ad esempio nel cuore) e con piccolo flusso sanguigno nel flusso sanguigno;
  • sanguinamento cerebrale. Una rottura di una nave nel cervello che provoca un ictus emorragico.

L'encefalopatia discircolare può svilupparsi gradualmente, per poi passare alla forma acuta di CVB.

Stranamente, le operazioni volte a ricostruire la circolazione sanguigna in altre arterie possono causare embolizzazione e trombosi dei vasi cerebrali: stent, sostituzione di una valvola cardiaca con una artificiale, innesto di bypass dell'arteria coronarica. Ciò dimostra ancora una volta che il corpo umano è un sistema molto complesso e l'intervento di terzi, anche per buoni scopi, non porta sempre a un risultato positivo.

Classificazione

La digitazione viene eseguita per due motivi. La prima è la natura del decorso della malattia.

  • Transient. Violazione temporanea. È accompagnato da un quadro clinico pronunciato, i sintomi di un ictus si sviluppano, ma non esiste necrosi in quanto tale. La differenza è fondamentale: con ischemia transitoria, il quadro clinico regredisce in modo indipendente e senza conseguenze dopo un massimo di 24 ore.
  • Acuto. Questa è la stessa necrosi cerebrale. È rappresentato da ictus ischemico, meno spesso emorragico. La differenza chiave: nel secondo caso, l'integrità della nave viene violata, l'emorragia porta allo sviluppo di ematomi, riduce la probabilità di sopravvivenza.
  • cronico I processi patologici sopra descritti hanno luogo. Aterosclerosi, infiammazione vascolare (arterite) di origine infettiva e autoimmune e altri. Accompagnato da una clinica lenta, ma inesorabilmente progredendo, non lasciare il paziente per un minuto. Difficile da tollerare. Prima o poi portano a grave deficit neurologico, demenza vascolare.

La malattia cerebrovascolare è un folto gruppo di processi neurogenici. Pertanto, la classificazione in sé è eterogenea e comprende molti stati esterni.

La tipizzazione viene eseguita dalle fasi della malattia. In totale, vengono chiamate 3 fasi comuni. A rigor di termini, poiché i CEH sono molteplici, questo metodo di divisione è molto condizionale. Non può essere applicato a condizioni acute. Solo cronico.

  • 1a tappa. Non ci sono manifestazioni cliniche in quanto tali. Mal di testa, episodi di nausea, affaticamento. Gli unici satelliti. Inoltre, se esaminiamo intenzionalmente il paziente per la conservazione dell'attività intellettuale, si scopre che la velocità di reazione, l'intensità del pensiero sono al di sotto del normale. Questo non dovrebbe essere, soprattutto se in precedenza una persona ha preso decisioni, pensato più velocemente. Quasi inequivocabilmente, un tale segno indica ischemia del cervello o grave astenia del sistema nervoso. Le deviazioni che utilizzano studi strumentali sono suddivise. Risonanza magnetica minima, EEG, dopplerografia.
  • 2 livelli. L'immagine è pronunciata. Cefalgia o dolore nella regione occipitale, vertigini, disorientamento nello spazio, nausea, vomito e altri momenti si verificano regolarmente, in crisi. L'intensità dei segni sta crescendo rispetto alla fase precedente. Vengono aggiunte componenti mentali: depressione, disturbi emotivi, anomalie comportamentali. La velocità di pensiero e la sua produttività diminuiscono in modo significativo. Allo stesso tempo, l'adeguatezza viene preservata, le reazioni agli stimoli esterni sono normali.
  • 3 fasi. La fase finale o scompenso. Si sviluppa una demenza vascolare simile all'Alzheimer. Con apatia, abulia (nessuna forza per fare qualcosa), inadeguatezza comportamentale, demenza, mancanza di capacità di apprendere, memorizzare e riprodurre informazioni. Nei casi più gravi, il paziente non va nemmeno in bagno. Rifiuta di mangiare, devi aiutarlo. In questa fase, una persona è indifesa, lo stato corrisponde a una disabilità profonda. Allo stesso tempo, è ancora possibile una correzione parziale. Il deficit neurologico persisterà, ma sarà attenuato, diventerà meno pronunciato.

Le classificazioni vengono utilizzate per valutare la gravità della malattia cerebrovascolare, determinare la prognosi, il regime terapeutico, farmaci e tecniche specifici..

Cause della malattia

L'eziologia del CVB è molto complessa. Include l'interazione di molti fattori che non è sempre possibile stabilire. L'ipertensione, l'aterosclerosi e una violazione delle proprietà reologiche del sangue possono diventare causa di disturbi dell'apporto di sangue. L'Organizzazione mondiale della sanità identifica più di trecento fattori che predispongono all'insorgenza dell'insufficienza cerebrovascolare. Possono essere divisi in quattro grandi gruppi:

  1. Fattori chiave modificabili:
  • ipertensione;
  • aterosclerosi;
  • diabete;
  • fumatori;
  • obesità ecc.
  1. Altri fattori di rischio che possono essere modificati:
  • consumo di alcool;
  • malattia mentale;
  • stato sociale;
  • prendendo alcuni farmaci, ecc..
  1. Fattori di rischio non modificabili:
  • età;
  • pavimento;
  • eredità.
  1. I cosiddetti "nuovi" fattori di rischio:
  • disturbi emorragici;
  • vasculite.

Sintomatologia

L'insufficienza cerebrovascolare acuta è caratterizzata da sintomi luminosi e in rapido aumento. L'ictus ischemico si sviluppa a causa del blocco di un vaso sanguigno da parte di una placca aterosclerotica o di un trombo o a causa di un vasospasmo. Il sangue non può superare l'ostacolo e si verifica la carenza di ossigeno nel cervello.

Inoltre, quasi immediatamente dopo l'inizio dell'ischemia, inizia l'edema cerebrale. L'ictus emorragico si osserva con rottura della nave o aumento della permeabilità della parete vascolare e del sangue che entra nel cervello. E infatti, e in un altro caso, l'area interessata del cervello muore, causando alcuni sintomi.

Tutti i sintomi di disturbi cerebrovascolari acuti possono essere suddivisi in cerebrali, caratteristici per qualsiasi tipo di disturbi circolatori del cervello e focali, che dipendono da dove si trova il focus patologico. Di solito, con ictus emorragico, i sintomi cerebrali sono più pronunciati, con ictus ischemico, focale.

I sintomi cerebrali includono:

  • Vertigini;
  • Forte mal di testa;
  • Nausea e vomito. In questo caso, il vomito non porta sollievo al paziente, che lo distingue dal vomito nelle malattie del tratto gastrointestinale e avvelenamento;
  • Confusione. I pazienti a volte non ricordano dove si trovano, non riconoscono i parenti. Questa condizione può sia passare che trattenere rapidamente per molto tempo;
  • Con grave gravità dei disturbi cerebrovascolari, può esserci una perdita di coscienza o addirittura coma;
  • Se il paziente rimane cosciente, si può osservare un'agitazione psicomotoria..

I sintomi focali dipendono da quale parte del cervello è interessata:

  • In caso di disturbi circolatori nell'arteria cerebrale anteriore, si osserva paresi sul lato opposto al focus patologico. E più spesso si nota sull'arto inferiore, poiché la paresi del braccio passa rapidamente;
  • Può essere l'incontinenza urinaria;
  • Il paziente barcolla quando cammina;
  • C'è una sensibilità aumentata o ridotta della pelle sul viso e sulle mani;
  • L'insufficienza cerebrovascolare del cervello può essere accompagnata da disturbi del linguaggio: una persona può capire ciò che gli viene detto, ma non è in grado di rispondere;
  • Se chiedi al ferito di mostrare la lingua, noterai che si discosta dal lato;
  • Molto spesso c'è una violazione del senso dell'olfatto e dei cambiamenti nella psiche umana;
  • Il paziente non può eseguire alcuna azione mirata;
  • A volte si verificano perdite di memoria;
  • Nei casi più gravi si può osservare una paralisi degli arti..

Le malattie cerebrovascolari acute richiedono cure mediche immediate! Il trattamento deve essere iniziato nella prima ora dopo la lesione, altrimenti il ​​rischio di morte o disabilità del paziente aumenta ogni ora.

Diagnostica

CVB molto spesso mostra uno sviluppo lento. In alcuni pazienti, la patologia viene rilevata durante l'esame per altri disturbi vascolari.

La diagnosi della malattia cerebrovascolare è il campo di attività dei neuropatologi che sono in grado di stabilire il fatto di danni al tessuto cerebrale, per determinare lo stadio del fenomeno distruttivo. Nella prima fase della diagnosi, viene raccolta un'anamnesi, una conversazione dettagliata con il paziente o i suoi parenti aiuta a scoprire le circostanze dello sviluppo della violazione.

Successivamente, al paziente viene assegnato:

  • esami del sangue e delle urine;
  • il passaggio della tomografia computerizzata o della risonanza magnetica (CT, MRI);
  • elettroencefalografia, angioscanning duplex;
  • reazioni sierologiche che rilevano varie infezioni.
  • Le informazioni più dettagliate nel processo di diagnosi della malattia cerebrovascolare possono essere ottenute mediante TC e risonanza magnetica. Entrambi i metodi di ricerca sul cervello sono sicuri per il corpo umano, quindi possono essere applicati ripetutamente per un breve periodo di tempo..

Se necessario, il paziente riceve un rinvio ad altri specialisti. Molto spesso con malattia cerebrovascolare, il paziente deve anche essere esaminato da un endocrinologo, cardiologo, oculista, otorinolaringoiatra.

Caratteristiche del trattamento

Solo uno specialista esperto sarà in grado di diagnosticare la patologia e prescrivere la terapia corretta, il cui compito principale è eliminare il danno cerebrale.

Terapia conservativa

Il trattamento farmacologico viene effettuato in modo completo. Innanzitutto, le azioni mirano ad eliminare i fattori di rischio. A tal fine, i farmaci di tali gruppi sono prescritti:

Solo dopo aver corretto il metabolismo principale, è possibile procedere direttamente al trattamento della malattia stessa. Tra i principali gruppi di farmaci che contribuiscono alla normalizzazione della circolazione cerebrale, ci sono:

  • Antiossidanti - Cerebrolysin, Actovegin, Cerebrocurin.
  • Farmaci metabolici - Sermion, Tanakan, Cavinton.
  • Farmaci nootropici: glicina, maron, pantogama.
  • Antispasmodico - Dibazole, Papaverina.
  • Anticoagulanti di azione diretta (Fraxiparin), indiretto - Warfarin, Fenilin.
  • Medicinali che promuovono la vasodilatazione (Agapurin, Trental).
  • Acido acetilsalicilico.

Durante la terapia di base, normalizzare la respirazione esterna, supportare la neuroprotezione e l'omeostasi. Le vie respiratorie sono sanificate, viene eseguita la ventilazione meccanica. Se si verificano sintomi di insufficienza cardiaca, vengono utilizzati farmaci come Pentamina e Lasix. In caso di aritmie cardiache, la terapia antiaritmica viene eseguita utilizzando i farmaci Korglikon e Strofantin. Per interrompere le funzioni vegetative, viene prescritta difenidramina o aloperidolo. In caso di edema cerebrale - Mannitolo e Furosemide.

L'ossigenazione iperbarica viene utilizzata per saturare il sangue con l'ossigeno e il suo normale flusso nel tessuto. L'essenza di questo metodo è che il paziente viene posto in una camera in cui viene eliminata la carenza di ossigeno nei tessuti a causa dell'aria pulita. Questa procedura può migliorare significativamente la vita e prevenire possibili complicazioni..

Intervento chirurgico

Nelle forme gravi della malattia che non sono suscettibili di cure mediche, è necessario condurre operazioni, a seguito delle quali vengono rimosse placche aterosclerotiche e coaguli di sangue dalle arterie. Il lume delle navi aumenta a causa del posizionamento dei cateteri in esse. La terapia chirurgica viene eseguita per emorragia intracerebrale e aneurismi arteriosi..

Metodi di medicina tradizionale

Con le malattie cerebrovascolari, il trattamento con rimedi popolari non è escluso. Delle ricette più comprovate, vengono utilizzate le seguenti:

  • Asciugare la radice di peonia. Dopodiché, tritalo finemente e versa acqua bollita. Lasciare fermentare per 60 minuti. Si consiglia di usare un cucchiaio fino a 5 volte al giorno.
  • Ruota il limone e l'arancia in un tritacarne (2 pezzi ciascuno). Mescola la massa risultante con miele liquido e mescola bene fino ad ottenere una massa omogenea. Devi insistere in un posto fresco 24 ore. Prendere al mattino, a pranzo e la sera per 1 cucchiaio. cucchiaio.
  • È necessario preparare 100 g di aghi di conifere prelevati da un giovane albero con un litro di acqua bollita calda e immergere per 24 ore. Successivamente, il succo di ½ limone viene aggiunto alla composizione e bevono la composizione finita 3 volte al giorno per 1 cucchiaio. l (prima dei pasti). Si consiglia un corso di 3 mesi per risultati positivi..
  • In 200 ml di acqua bollente viene introdotto 1 cucchiaio. l erba secca, insistere per 2 ore. Una "medicina" finita viene consumata tre volte al giorno (½ cucchiaino alla volta). La durata della terapia con celidonia è di 2-3 settimane.

Va ricordato che solo con tali metodi è impossibile sbarazzarsi della malattia. Possono essere usati solo in aggiunta al trattamento principale..

Gli effetti del CVB

Il cervello è il "centro di controllo" del nostro corpo, è estremamente complesso e persino gli scienziati non comprendono ancora completamente tutte le sottigliezze del suo lavoro. Ma una cosa è certa: per il normale funzionamento ha bisogno di ossigeno. Se ne esiste, anche la sua più piccola parte, senza cibo, le conseguenze saranno devastanti.

La malattia cerebrovascolare provoca periodicamente l'emergere di crisi cerebrali causate da insufficiente apporto di ossigeno al cervello. I sintomi di tali crisi sono improvvisa debolezza, intorpidimento degli arti da un lato, difficoltà di linguaggio e visione e confusione. Queste condizioni sono temporanee e scompaiono rapidamente, ma senza un trattamento adeguato, prima o poi, il caso termina con un ictus. Quest'ultimo può trasformare una persona in una persona disabile e se la salute del paziente lasciava molto a desiderare prima di un ictus, è possibile anche un esito fatale.

Prevenzione delle malattie

Per prevenire lo sviluppo della malattia cerebrovascolare del cervello, è necessario provare ad aderire a una dieta ipocolesterolemizzante (escludere cibi fritti, in salamoia, salati, affumicati, carne grassa, ecc.), Adottare misure per eliminare l'eccesso di peso, le cattive abitudini, in particolare il fumo. È inoltre necessario monitorare costantemente la pressione sanguigna.

Non è necessario ricordare agli atleti che devono condurre uno stile di vita attivo, al contrario, dovrebbero prestare attenzione al fatto che non dovrebbero essere ammessi carichi eccessivi.

Dopo 45-50 anni, è necessario sottoporsi a un esame preventivo ogni anno, poiché nelle persone anziane e negli anziani il rischio di CVB aumenta. Durante l'esame medico, possono essere rilevate malattie concomitanti che possono causare insufficienza cerebrovascolare cronica e il loro trattamento tempestivo aiuterà a mantenere uno stato sano dei vasi cerebrali.

Grazie alla diagnosi tempestiva e al trattamento di alta qualità, è possibile ridurre significativamente il rischio di sviluppare conseguenze irreversibili della malattia cerebrovascolare. Le massime possibilità di una prognosi positiva rimangono nei pazienti che hanno consultato i medici dopo i primi segni di patologia.

Malattia cerebrovascolare

La malattia cerebrovascolare è caratterizzata da un danno ai vasi cerebrali, a seguito del quale viene interrotta la fornitura di ossigeno alle cellule cerebrali, inizia la carenza di ossigeno e le funzioni cerebrali sono compromesse.

Cliniche e centri neurologici sono coinvolti nel trattamento della malattia, compresa la clinica neurologica dell'ospedale Yusupov. Come inizia la malattia cerebrovascolare, che cos'è, un neuropatologo ti dirà in modo più dettagliato in occasione di un appuntamento consultivo.

Classificazione

La malattia cerebrovascolare è classificata in base alla durata delle manifestazioni e alla gravità. Nella classificazione delle condizioni acute nella malattia cerebrovascolare, si verifica un ictus non specificato, la cui natura dell'evento non è chiara. Malattia cerebrovascolare, ictus non specificato nella classificazione internazionale delle malattie è sotto il codice 164 nella classe di malattie del sistema circolatorio.

Classificazione ICD

CVB, secondo l'ICD, si riflette nei codici 165 - 167; 167.2; 167,3; 167,4; 167.8. Demenza vascolare assegnata separatamente F01.2; F 01.1; F 01.3. La sezione 169 indica sindromi neurologiche che si sviluppano come conseguenza della CVB.

previsione

La prognosi della malattia cerebrovascolare dipende dallo stile di vita del paziente, dall'atteggiamento nei confronti della propria salute, da un approccio responsabile al trattamento della malattia e dalla gravità della malattia. Il paziente deve abbandonare le cattive abitudini, mangiare razionalmente, monitorare il peso, evitare lo stress, praticare sport, trattare tempestivamente i disturbi emergenti nel sistema circolatorio.

Trattamento

Il trattamento della malattia viene effettuato utilizzando una terapia complessa, che include i seguenti gruppi di farmaci:

  • farmaci antisclerotici;
  • farmaci antiipertensivi;
  • farmaci ipoglicemizzanti;
  • metabolismo
  • antihypoxants;
  • antiossidanti;
  • antispastici;
  • anticoagulanti;
  • droghe nootropiche;
  • vasodilatatori.

In casi avanzati, la malattia è difficile, il trattamento farmacologico non mostra un'alta efficienza. In questo caso, il neurologo prende una decisione sul trattamento chirurgico. Durante l'operazione, il chirurgo rimuove i coaguli di sangue nei vasi, le placche aterosclerotiche, restringendo il lume della nave. Possono essere eseguiti stent, endarterectomia, angioplastica con palloncino, anastomosi extra-intracranica. Tali interventi chirurgici vengono eseguiti con ostruzione dei vasi, un forte restringimento della nave, per rimuovere le placche aterosclerotiche e ripristinare l'ostruzione vascolare.

Sintomi e trattamento, cause di sviluppo

La malattia cerebrovascolare (CVB) nelle prime fasi dello sviluppo è caratterizzata da disturbi del sonno nel paziente (insonnia, improvviso risveglio nel cuore della notte e incapacità di addormentarsi dopo il risveglio), affaticamento rapido, scarsa capacità lavorativa, perdita di memoria, pignoleria, distrazione, pensiero alterato. Le condizioni del paziente peggiorano con il decorso della malattia. Grave mal di testa, vertigini, acufeni, intorpidimento e debolezza degli arti, compaiono alterazioni della vista e dell'udito, il paziente soffre di depressione, può svilupparsi demenza. Tutti questi sintomi indicano un incidente cerebrovascolare..

Le cause dello sviluppo della malattia sono vari fattori:

  • ictus: spesso diventa la causa dello sviluppo della malattia cerebrovascolare;
  • arteriosclerosi cerebrale - la causa più comune di CVB;
  • stress cronico;
  • fumatori;
  • alcolismo;
  • peso in eccesso;
  • diabete;
  • patologia della struttura dei vasi sanguigni;
  • malattie del sistema circolatorio;
  • ipertensione;
  • tumori;
  • malattie infettive;
  • sindrome antifosfolipidica;
  • lesione.

Il trattamento del CVB dipende dalla causa della violazione, dalla gravità della malattia. In alcuni casi, la chirurgia diventa il trattamento principale.

La causa dello sviluppo della malattia cerebrovascolare sono i processi infiammatori nei vasi cerebrali che colpiscono le arterie e le vene. La causa più comune della malattia è l'arteriosclerosi cerebrale. Il trattamento della malattia inizia con l'eliminazione dei fattori di rischio:

  • diabete;
  • aterosclerosi cerebrale;
  • ipertensione arteriosa;
  • colesterolo alto nel sangue.

La terapia farmacologica, la dieta aiutano a ripristinare l'elasticità vascolare, migliorare la circolazione sanguigna nel cervello, riduce il rischio di malattie cerebrovascolari.

Ipertensione endocranica

La malattia cerebrovascolare è considerata un termine collettivo, che nasconde varie malattie che portano alla compromissione della circolazione cerebrale. Tali malattie possono verificarsi sia in forma acuta che cronica, appartengono alla classe dei disturbi cerebrovascolari. L'ipertensione endocranica è caratterizzata da una pressione intracranica anormalmente elevata. L'ipertensione endocranica cronica si riferisce più spesso alla forma idiopatica della malattia, la causa dello sviluppo del disturbo rimane poco chiara. L'ipertensione endocranica è comune, spesso nelle persone con malattie neurologiche.

L'ipertensione endocranica porta a una violazione della circolazione cerebrale, provoca la formazione di ischemia cerebrale secondaria. Le malattie cerebrovascolari diventano la causa, che porta allo sviluppo dell'ipertensione endocranica. L'aumento della pressione intracranica può portare a coma, sensibilità alterata, disturbi del linguaggio e altri disturbi gravi. L'ipertensione endocranica è una grave complicazione delle malattie del cervello.

encefalopatia

L'encefalopatia discircolatoria è caratterizzata da una lesione diffusa o focale dei vasi cerebrali. La malattia porta a memoria alterata, pensiero, attenzione, lo sviluppo della demenza - demenza - diventa una grave complicazione della malattia. Il decorso della malattia è accompagnato da vari sintomi:

  • attività motoria compromessa;
  • disfunzione cerebellare;
  • disturbi affettivi;
  • forti fluttuazioni della pressione sanguigna;
  • Vertigini
  • violazione della masticazione e della deglutizione del cibo, altri disturbi pseudobulbari;
  • in una fase avanzata della malattia nei pazienti, incontinenza fecale e delle urine.

La causa della malattia è l'arteriosclerosi cerebrale, l'ipertensione, vari disturbi che portano a danni al sistema vascolare, malattie del sangue e altre cause.

statistica

Gli ictus, che sono la causa dello sviluppo della CVD, portano ogni anno alla morte di un numero enorme di persone, il 40% dei sopravvissuti all'ictus muore o diventa disabile. Rinvio tempestivo a un neurologo se compaiono sintomi di angoscia, uno stile di vita sano, una dieta equilibrata riducono il rischio di sviluppare malattie cerebrovascolari.

Nella clinica neurologica dell'ospedale Yusupov forniscono assistenza alle persone con malattie cerebrovascolari. In ospedale è possibile sottoporsi a cure per malattie cerebrovascolari, riabilitazione dopo malattia. I medici prestano grande attenzione alla prevenzione dello sviluppo di malattie vascolari del cervello, l'ospedale ha sviluppato programmi per ripristinare le funzioni cerebrali del paziente dopo un ictus grave e vengono trattati la demenza e la malattia cerebrovascolare cronica. Durante la consultazione, il medico spiegherà che cosa è la malattia cerebrovascolare in una persona, come l'ospedale fornisce farmaci per la malattia cerebrovascolare del cervello e il trattamento chirurgico della malattia cerebrovascolare. L'anamnesi del paziente verrà archiviata su un supporto moderno, al termine del trattamento il paziente riceverà una descrizione completa del suo trattamento in clinica. Puoi fissare un appuntamento con un medico chiamando l'ospedale Yusupov.

Che cos'è la malattia cerebrovascolare?

La malattia cerebrovascolare (CVB) è una condizione patologica caratterizzata da un danno progressivo ai vasi cerebrali, a seguito del quale i neuroni iniziano a morire gradualmente, poiché mancano della quantità necessaria di ossigeno e sostanze nutritive. Di recente, c'è stata una tendenza ad aumentare il numero di persone che soffrono di questa forma di disturbi circolatori. Pertanto, un numero crescente di persone imparerà in prima persona cos'è e le possibili conseguenze della malattia cerebrovascolare..

Anche 30 anni fa, la malattia cerebrovascolare è stata diagnosticata principalmente nelle persone che hanno superato il limite di 60 anni. Tuttavia, ora questa forma di incidente cerebrovascolare viene rilevata nel 70% delle persone di età compresa tra 45 e 50 anni. I primi segni che accompagnano la sindrome cerebrovascolare non sono attualmente rari e tra coloro che hanno superato di recente il limite di età di 35 anni. Lo sviluppo di CVB comporta un enorme pericolo, quindi, alle prime manifestazioni di questa condizione patologica, il paziente deve sottoporsi a un trattamento completo.

Le principali cause della malattia cerebrovascolare

Il cervello è una struttura estremamente complessa che fornisce il controllo su molti processi nel corpo umano. Per il normale funzionamento, questo corpo deve ricevere una grande quantità di ossigeno e sostanze nutritive. I tessuti cerebrali sono estremamente sensibili ai livelli più bassi di saturazione con sostanze essenziali. Con l'aumento della compromissione della circolazione sanguigna, i neuroni iniziano a morire in gran numero, il che provoca conseguenze estremamente sfavorevoli per tutto il corpo.

In qualche modo, la malattia cerebrovascolare è un termine collettivo, che nasconde molte forme di incidente cerebrovascolare di varie eziologie.

Il termine malattia cerebrale può nascondere tipi di ictus emorragici e ischemici, emorragie intracraniche di varia localizzazione, patologia cerebrale disculatoria cronica, encefalopatia ipertensiva e aterosclerotica, ecc. Tutte queste condizioni sono caratterizzate da incidente cerebrovascolare acuto o cronico. La classificazione internazionale delle malattie classifica un numero significativo di patologie come disturbi cerebrovascolari..

Per molte persone moderne, la salute è al 2 ° o 3 ° posto, quindi, quale malattia cerebrovascolare conosceranno dopo aver fatto la diagnosi appropriata. Tuttavia, questa grave malattia è associata a due condizioni patologiche che sono estremamente comuni nelle persone moderne, tra cui l'aterosclerosi e l'ipertensione..

Pertanto, le placche aterosclerotiche e la pressione arteriosa cronicamente elevata sono le cause più comuni della malattia cerebrovascolare. L'aterosclerosi è attualmente una malattia dei vasi sanguigni estremamente comune. Questa condizione patologica si sviluppa sullo sfondo di un aumento critico del colesterolo nel sangue. La parte del leone del colesterolo entra nel corpo umano insieme a cibi ricchi di grassi animali. Questa sostanza è viscosa e si attacca alle pareti dei vasi sanguigni. Inoltre, le placche aterosclerotiche contengono elementi del sangue e alcune altre sostanze. La comparsa di placche aterosclerotiche nei vasi cerebrali contribuisce al restringimento del loro lume, nonché allo sviluppo di processi infiammatori. Le placche aterosclerotiche possono causare rapidamente incidenti cerebrovascolari.

L'ipertensione arteriosa associata all'ipertensione nel tempo diventa la causa dello sviluppo di focolai di danno e necrosi delle pareti dei vasi sanguigni situati nel cervello. Inoltre, la pressione arteriosa cronicamente elevata porta ad allungamento e aumento della permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni. Il lume delle navi si restringe gradualmente, man mano che si sviluppa la stenosi. Tutti questi processi portano al fatto che le cellule cerebrali iniziano a morire, senza ricevere la quantità necessaria di ossigeno. Secondo le statistiche, circa il 40% dei pazienti affetti da malattia cerebrovascolare ha una storia di ipertensione di grado 3-4. Inoltre, spesso l'ipertensione provoca un ictus.

Un'altra causa comune di malattia cerebrovascolare è la vasculite sistemica. Le malattie appartenenti a questo gruppo sono accompagnate da deformazioni e processi infiammatori che colpiscono le pareti dei vasi sanguigni. Le navi danneggiate non possono svolgere normalmente la loro funzione, il che porta a insufficiente apporto di ossigeno ai tessuti cerebrali e alla loro morte graduale.

Ulteriori fattori predisponenti dell'aspetto della patologia

Nonostante il fatto che nella maggior parte dei casi lo sviluppo della malattia cerebrovascolare sia preceduto da aterosclerosi, ipertensione o vasculite sistemica, esistono numerosi fattori ambientali e interni che, in determinate circostanze, possono causare lo sviluppo di disturbi cerebrovascolari. Tali fattori predisponenti endogeni ed esogeni includono:

  • malattie croniche del sistema cardiovascolare;
  • diabete;
  • lunga storia di fumo;
  • alcolismo;
  • obesità;
  • malattie infettive;
  • tumori cerebrali;
  • patologie congenite della struttura dei vasi cerebrali;
  • tendenza alla trombosi;
  • lividi del cervello;
  • emopoiesi;
  • stile di vita sedentario;
  • sanguinamento massiccio di qualsiasi eziologia;
  • sindrome antifosfolipidica;
  • stress cronico;
  • osteocondrosi del rachide cervicale.

Questo non è un elenco completo di condizioni patologiche e fattori esterni che possono avere un effetto negativo sui vasi che alimentano il tessuto cerebrale. Inoltre, attualmente si sta studiando attivamente l'influenza di un fattore ereditario sullo sviluppo di una condizione come la malattia cerebrovascolare. Molte persone che soffrono di varie forme di incidente cerebrovascolare hanno parenti stretti che, in un certo periodo di età, hanno avuto sintomi simili. Inoltre, i cambiamenti legati all'età sono considerati fattori predisponenti che possono provocare malattie cerebrovascolari, tra cui una diminuzione della produzione di un numero di ormoni importanti e un rallentamento del metabolismo. Nelle donne, lo sviluppo della malattia cerebrovascolare può essere associato alla menopausa e ai cambiamenti osservati in questa condizione..

Sintomi della malattia cerebrovascolare

Il tasso di aumento delle manifestazioni sintomatiche e la loro gravità dipende in gran parte dalle caratteristiche del decorso della malattia cerebrovascolare. Nella maggior parte dei casi, i sintomi degli incidenti cerebrovascolari aumentano nel tempo. Nelle prime fasi dello sviluppo della patologia, i pazienti potrebbero non prestare attenzione ai loro sintomi, considerandoli il risultato di una giornata intensa. Le prime manifestazioni della malattia cerebrovascolare includono:

  • frequenti mal di testa;
  • riduzione delle prestazioni;
  • disturbi del sonno;
  • depressione;
  • compromissione della memoria;
  • fatica;
  • irritabilità.

I sintomi stanno diventando più intensi e vari in un contesto di riduzione della nutrizione dei tessuti cerebrali. Il mal di testa diventa più frequente. Molte persone che soffrono di malattie cerebrovascolari possono erroneamente considerare i mal di testa esistenti come emicranie. Non è possibile arrestare la sindrome del dolore con l'aiuto di farmaci convenzionali. Inoltre, quando si verifica un incidente cerebrovascolare, compaiono attacchi di debolezza generale e vertigini. Durante lo sforzo fisico può oscurarsi negli occhi. Inoltre, al mattino, sullo sfondo di un CVB in via di sviluppo, appare l'acufene. Inoltre, a causa della malnutrizione del tessuto cerebrale, si possono osservare sintomi come irritabilità e altri disturbi emotivi, secchezza delle fauci persistente, astenia, tachicardia, ecc..

Ci sono molti segni di malattia cerebrovascolare, ai quali il paziente potrebbe non prestare immediatamente attenzione. Un chiaro sintomo dell'apporto di ossigeno al tessuto cerebrale è una riduzione delle prestazioni mentali. Risolvere eventuali problemi in questo caso richiede un certo sforzo. Inoltre, è difficile per una persona che soffre di malattia cerebrovascolare ricordare date, confrontare eventi, ecc. Oltre a una diminuzione delle capacità intellettuali, compaiono nevrosi e paure infondate, nevrosi e psicosi.

Nella grave malattia cerebrovascolare, si osservano la comparsa di ipocondria, compromissione della parola e compromissione della vista. Se il trattamento non è stato avviato, i sintomi sono esacerbati. Potrebbero verificarsi danni al motore..

Disturbi motori comuni osservati nella malattia cerebrovascolare comprendono diminuzione dei riflessi, instabilità dell'andatura, perdita di sensibilità in alcune parti del corpo, paralisi e paresi degli arti.

Complicanze comuni della malattia cerebrovascolare

Quando si tratta di una condizione come la malattia cerebrovascolare, vale la pena notare prima di tutto il suo effetto negativo sulla qualità della vita umana. Nella prima fase dello sviluppo della malattia, le manifestazioni esistenti influenzano impercettibilmente la vita di una persona. Un paziente a causa di una diminuzione delle prestazioni mentali e di un aumento dei disturbi psico-emotivi può perdere il lavoro o distruggere la sua famiglia. Tuttavia, più le malattie cerebrovascolari progrediscono, più le manifestazioni diventano gravi. Ad esempio, le persone che soffrono di disturbi del sonno nella fase iniziale dello sviluppo della malattia cerebrovascolare hanno spesso svenimenti e la perdita di coscienza può causare gravi lesioni.

Nella fase 2 della malattia, i pazienti a causa di disturbi mentali esistenti possono perdere la capacità di servire se stessi. Una persona può dimenticare la necessità di igiene personale o nutrizione tempestiva. Con 3 fasi dello sviluppo della patologia, nella maggior parte dei pazienti si osserva lo sviluppo della demenza vascolare con tutte le manifestazioni inerenti a questa condizione. La demenza vascolare nella maggior parte dei pazienti è accompagnata da una grave compromissione cognitiva, inclusa la perdita di orientamento nello spazio e la capacità di muoversi normalmente. In questo caso, il paziente ha bisogno di un monitoraggio costante. Contribuire in modo significativo allo sviluppo della disabilità nelle persone che soffrono di malattie cerebrovascolari, vari gravi disturbi motori. La sconfitta di alcune parti del cervello può portare alla distruzione degli organi interni. Il paziente può sperimentare una perdita di capacità di deglutire il cibo normalmente, nonché disfunzione pelvica.

Inoltre, influisce significativamente sulla posizione del paziente con disturbi dell'udito, della vista e del linguaggio, poiché ciò rafforza la necessità di assistenza. Una complicazione comune del decorso grave della malattia cerebrovascolare sono le convulsioni epilettiche. Tra le altre cose, esiste un alto rischio che la malattia diventi acuta, espressa da ictus ischemico o emorragico, transitori, attacchi ischemici, emorragia subaracnoidea o altre condizioni che possono causare la morte nel più breve tempo possibile.

Metodi diagnostici per la malattia cerebrovascolare

Dato che nella maggior parte dei casi i sintomi della malattia cerebrovascolare crescono lentamente, spesso questa condizione patologica viene diagnosticata per caso durante alcuni studi in caso di sospetta presenza di altre malattie vascolari. Una diagnosi accurata della malattia cerebrovascolare richiede non solo una storia e un esame del paziente, ma anche una serie di studi di laboratorio e strumentali.

La diagnosi inizia con il fatto che ai pazienti viene assegnato un esame neurologico, che consente di determinare il grado e la natura del danno alle strutture cerebrali. Può anche essere richiesta la consultazione con altri specialisti altamente specializzati, tra cui un oculista, cardiologo, otorinolaringoiatra, ecc. I metodi di laboratorio e strumentali più comunemente usati per diagnosticare la malattia cerebrovascolare includono:

  • esami del sangue generali e biochimici;
  • reazioni sierologiche ad alcune malattie infettive;
  • analisi per la determinazione dell'indice di protrombina;
  • ECG;
  • analisi generale delle urine;
  • radiografia
  • angioscanning duplex;
  • angiografia;
  • scintigrafia cerebrale;
  • dopplerografia transcranica;
  • MRI
  • CT
  • elettroencefalografia;
  • misurazione della pressione arteriosa;
  • analisi per determinare la frazione di lipoproteine ​​nel sangue.

In alcuni casi, è consigliabile consultare un endocrinologo e condurre studi sul livello degli ormoni. Inoltre, se esiste una storia di malattie del sistema cardiovascolare, può essere indicato il monitoraggio giornaliero dell'ECG. Un esame completo consente di diagnosticare con precisione e sviluppare la migliore strategia per correggere le manifestazioni sintomatiche di CVB.

Farmaci per la malattia cerebrovascolare

Il trattamento della malattia cerebrovascolare nella maggior parte dei casi viene effettuato con metodi medici. La terapia dovrebbe essere principalmente finalizzata all'eliminazione delle principali cause dello sviluppo del problema, al ripristino della normale circolazione sanguigna nei vasi cerebrali e all'arresto dei sintomi esistenti. Per migliorare l'emodinamica, vengono generalmente prescritti bloccanti dei canali del calcio e inibitori dell'enzima fosfodiesterasi. I farmaci appartenenti a questi gruppi vengono selezionati individualmente per ciascun paziente, nonché per il loro dosaggio.

Per ridurre il rischio che la malattia cerebrovascolare diventi acuta, vengono prescritti agenti antipiastrinici e anticoagulanti, che i pazienti devono spesso prendere per la vita.

Questi medicinali possono aiutare a ridurre il rischio di coaguli di sangue. Inoltre, i farmaci vengono selezionati individualmente che contribuiscono a migliorare la nutrizione del tessuto cerebrale con l'ossigeno.

Il regime di trattamento può essere integrato con altri farmaci che differiscono per l'effetto neuroprotettivo pronunciato. Se nella storia medica si parla di aterosclerosi, si può dimostrare l'uso di farmaci appartenenti al gruppo delle statine. Inoltre, può essere indicato l'uso di farmaci necessari per normalizzare la pressione sanguigna. Per migliorare la memoria e le funzioni cognitive, vengono prescritti nootropi. Inoltre, gli antiossidanti e gli antispasmodici sono spesso inclusi nel regime di trattamento. I farmaci appartenenti a diversi gruppi, i più comunemente prescritti per la malattia cerebrovascolare, includono:

  • Corinfar.
  • Cardipin.
  • Cardil.
  • Dilzem.
  • verapamil.
  • Cinnarizina.
  • Cerebrolysin.
  • Actovegin.
  • Cerebrocurin.
  • imidazole.
  • ketoprofene.
  • Mecaprine.
  • Sermion.
  • Cavinton.
  • Tanakan.
  • Vinpocetine.
  • Fraxiparin.
  • eparina.
  • Sinkumar.
  • Fenilin.
  • warfarin.
  • Chimes.
  • Acido acetilsalicilico.
  • Lipostat.
  • Tykveol.
  • probucolo.
  • lovastatina.
  • Piracetam.
  • Glycine.
  • aragosta.
  • Phenibut.
  • Pantogam.
  • Trental.
  • Pentoxifylline.
  • Agapurin.
  • Eufillin.
  • Papaverine.
  • Dibazole.

Con lo sviluppo di condizioni acute potenzialmente letali, può essere necessario un trattamento chirurgico. Molto spesso con malattia cerebrovascolare, angioplastica, endarterectomia o stent delle arterie danneggiate vengono eseguiti. Quando si esegue l'angioplastica, un catetere con un palloncino viene inserito nel vaso sanguigno interessato, che, una volta aperto, aumenta il lume dell'arteria. Con l'endoarterectomia, i coaguli di sangue che possono bloccare il flusso sanguigno vengono rimossi. Lo stenting comporta l'installazione di una rete speciale, che impedisce un ulteriore restringimento dell'area interessata dell'arteria.

Rimedi popolari nella lotta contro le malattie cerebrovascolari

Vale la pena notare che la malattia cerebrovascolare è una condizione estremamente difficile in termini di meccanismo di sviluppo, il cui trattamento richiede l'uso di potenti farmaci secondo lo schema prescritto dal medico curante. I rimedi popolari possono essere usati esclusivamente in aggiunta al trattamento farmacologico.

Non ci sono molti rimedi popolari che possono migliorare le condizioni di una persona che soffre di malattie cerebrovascolari. Per migliorare la circolazione cerebrale, può essere raccomandato l'uso di tinture di radice di peonia. Per preparare una tintura curativa, devi prendere circa 1 radice di peonia essiccata, tritarla accuratamente e versare 1 tazza di acqua bollente. La miscela risultante deve essere infusa per 2 ore. L'infusione pronta deve essere usata in un cucchiaio circa 5-6 volte al giorno.

Un buon effetto tonico e rassodante dona un mix di agrumi e miele. Per preparare un prodotto così gustoso e curativo, devi tritare con cura 1 limone e 2 arance in un tritacarne. È necessario aggiungere un po 'di miele all'impasto in modo che la sostanza finita abbia un sapore dolciastro. Successivamente, la miscela deve essere lasciata in frigorifero per circa un giorno e quindi presa in un cucchiaio 3-6 volte al giorno.

L'infuso di giovani aghi con succo di limone ha un effetto positivo sullo stato del tessuto cerebrale. Per preparare un tale agente terapeutico, è necessario prendere circa 100 g di giovani aghi di qualsiasi conifera e versare 1 litro di acqua bollente. Circa un giorno dopo, nell'infusione, è necessario aggiungere il succo di ½ parte di un limone. Usa questo strumento 3 volte al giorno per un cucchiaio a stomaco vuoto. Il corso del trattamento con questo rimedio popolare deve essere continuato per almeno 3 mesi.

Inoltre, una tintura di celidonia ha un effetto positivo sulla malattia cerebrovascolare. Questo rimedio deve essere assunto ½ cucchiaino 3 volte al giorno. Il corso del trattamento con questo strumento è di almeno 2 settimane. Prima di utilizzare un particolare rimedio popolare, è necessario consultare un medico. Anche i rimedi erboristici leggeri hanno controindicazioni che devono essere considerate..

Prevenzione dello sviluppo della malattia cerebrovascolare

La malattia cerebrovascolare è una condizione estremamente insidiosa, la cui prevenzione deve essere affrontata attivamente, a partire dall'età di 35 anni. È molto importante abbandonare completamente le cattive abitudini, poiché contribuiscono notevolmente alla rottura dei vasi sanguigni. Tra le altre cose, è necessario sottoporsi a un trattamento tempestivo delle patologie del sistema cardiovascolare. In presenza di ipertensione, è necessario assumere farmaci per tenere sotto controllo la pressione sanguigna. Altrettanto importanti nella prevenzione delle malattie cerebrovascolari sono la correzione del peso e una corretta alimentazione. La perdita di peso non solo contribuisce al miglioramento dei vasi sanguigni, ma porta anche a una riduzione della pressione arteriosa cronicamente elevata.

Una corretta alimentazione nel quadro della prevenzione del CVB comporta l'esclusione dalla dieta di carni affumicate, semilavorati, marinate, carne grassa e qualsiasi alimento fritto. La base della dieta dovrebbe essere verdure crude e al vapore, cereali di ogni tipo, carne magra e prodotti a base di acido lattico. Il cibo deve essere assunto in piccole porzioni almeno 5 volte al giorno. Ciò accelererà significativamente il metabolismo e libererà i vasi dalle placche aterosclerotiche. Tra le altre cose, è necessario bilanciare il tempo di lavoro e di riposo, se possibile, al fine di evitare il sovraccarico fisico. Come parte della prevenzione delle malattie cerebrovascolari, si raccomanda di eseguire esercizi fisici fattibili che contribuiscano a migliorare le condizioni generali del sistema circolatorio.

Cos'è la malattia cerebrovascolare (CVB)

Varie cause possono causare disturbi circolatori nel cervello. Questa condizione contribuisce allo sviluppo di molte patologie, che in medicina sono combinate in un gruppo generale chiamato "malattia cerebrovascolare". Tuttavia, non tutti comprendono quale sia la diagnosi e quali possano essere le conseguenze..

Cos'è

La malattia cerebrovascolare (CVB) è una condizione in cui si nota un danno progressivo al sistema vascolare del cervello umano, caratterizzato dalla morte graduale dei neuroni dovuta alla mancanza di nutrienti essenziali e ossigeno.

Secondo le statistiche, ogni anno aumenta il numero di persone a cui è stata diagnosticata questa malattia. Se anche 30 anni fa, i CVB erano sensibili alle persone anziane, ora questa forma viene rilevata nei pazienti dai 40 anni nel 70% dei casi.

Forme e tipi

Secondo la classificazione medica, la malattia cerebrovascolare è divisa in acuta e cronica. Il primo gruppo comprende:

  • attacco ischemico;
  • encefalopatia ipertensiva;
  • ictus ischemico, non specificato, emorragico.

La forma cronica è caratterizzata da encefalopatia discircolatoria, che è suddivisa nei seguenti tipi:

  • embolia, in cui i vasi sono ostruiti da coaguli che si formano nelle grandi arterie ed entrano nelle arterie più piccole con flusso sanguigno;
  • sanguinamento quando si verifica una rottura, che provoca un ictus emorragico;
  • trombosi, in cui le placche ostruiscono il lume e contribuiscono al suo restringimento.

Lo sviluppo dell'encefalopatia discircolatoria è graduale, con l'inizio dello stadio acuto del decorso della malattia.

Cosa provoca CVB

L'aterosclerosi è abbastanza comune. Un istigatore del suo aspetto è un aumento del livello di colesterolo nel sangue. Questa sostanza è una massa viscosa che si deposita sulle pareti vascolari. Le placche aterosclerotiche restringono gli spazi vuoti, che spesso interrompono la circolazione cerebrale.

Accompagnando costantemente questa condizione, un aumento della pressione sanguigna porta al fatto che le pareti dei vasi iniziano a allungarsi, a seguito delle quali aumenta la loro permeabilità. C'è un graduale restringimento del lume, lo sviluppo della stenosi. Tali processi contribuiscono alla morte delle cellule sullo sfondo della carenza di ossigeno..

Per ragioni non meno significative includono la vasculite sistemica. Le malattie incluse in questo gruppo accompagnano i processi infiammatori e di deformazione che colpiscono direttamente le pareti dei vasi sanguigni, a causa dei quali si verifica un malfunzionamento nel loro normale funzionamento, a seguito del quale l'ossigeno entra nei tessuti in quantità insufficienti e muoiono.

Ulteriori fattori di rischio includono:

  • diabete;
  • fumatori;
  • consumo eccessivo di alcol;
  • sovrappeso;
  • patologie croniche del sistema cardiovascolare;
  • fatica
  • osteocondrosi del rachide cervicale;
  • tumore al cervello;
  • malattie infettive.

Inoltre, l'ereditarietà, i cambiamenti legati all'età, il metabolismo lento o la menopausa nel gentil sesso possono essere un fattore stimolante..

Sintomi

CVB nella fase iniziale del suo sviluppo è accompagnato da:

  • insonnia;
  • debolezza generale;
  • fatica;
  • mal di testa;
  • attenzione ridotta;
  • intolleranza al lavoro mentale.

In assenza di un trattamento adeguato, la malattia cerebrovascolare dei vasi cerebrali è caratterizzata da sintomi pronunciati. Il dolore alla testa diventa più intenso, spesso i pazienti lo considerano emicrania, irritabilità, vertigini, nausea.

Anche se non cerchi un aiuto medico, i sintomi saranno ancora più gravi. Tra i principali si distinguono:

  • forte dolore al collo;
  • svenimenti frequenti;
  • andatura instabile;
  • disturbi delle funzioni motorie - paresi e paralisi degli arti;
  • minor danno visivo;
  • biascicamento;
  • spasmi
  • tremore;
  • vertigini rapide accompagnate da nausea e vomito.

A seconda del decorso della patologia, si distinguono 3 gradi:

  • Il primo è caratterizzato dallo sviluppo impercettibile del CVB, la sintomatologia ricorda in gran parte altre lesioni e malattie.
  • Sul secondo, si notano disturbi mentali, che servono come indicatore per l'assegnazione della disabilità. Tuttavia, in questa fase, il paziente non perde la capacità di prendersi cura di sé.
  • Durante la fase 3, si sviluppa la demenza vascolare. Il paziente perde la capacità di muoversi autonomamente, orientarsi nello spazio, ha bisogno dell'aiuto dei propri cari. Tali pazienti devono essere costantemente monitorati..

Nonostante il fatto che le malattie nel gruppo cerebrovascolare possano progredire attivamente, in molti pazienti la condizione rimane stabile per più di un anno.

Possibili complicazioni

Le condizioni patologiche dell'attività cerebrale portano allo sviluppo di cambiamenti nei tessuti cerebrali, che è accompagnato da anomalie mentali e cognitive:

  • la memoria si deteriora bruscamente;
  • compaiono fobie;
  • si osserva egocentrismo;
  • disorientamento nello spazio;
  • la demenza appare spesso.

In alcuni casi, è possibile il nistagmo: frequenti movimenti di bulbi oculari di natura involontaria.

Tra le conseguenze più gravi di CVB ci sono:

  • Attacco ischemico acuto transitorio. È caratterizzato da un disturbo circolatorio temporaneo con il suo ulteriore recupero. I sintomi di accompagnamento scompaiono durante il primo giorno.
  • Ictus ischemico L'ossigeno cessa di fluire nel cervello, causando la morte delle cellule. Accompagnato da paresi e paralisi di braccia e gambe, perdita di memoria, linguaggio e visione alterati.
  • Morbo di Binswanger. Con l'atrofia della sostanza cerebrale bianca, il disorientamento, la demenza si sviluppa gradualmente, la capacità di servirsi si perde, la memoria peggiora.

Non sono escluse altre condizioni in cui la prognosi non sarà la più favorevole, fino a un esito fatale..

Come viene diagnosticata la malattia

La diagnosi della malattia cerebrovascolare viene effettuata da un neurologo e un chirurgo vascolare. Viene valutata la condizione generale, vengono effettuati una serie di esami obbligatori:

  1. Analisi del sangue cliniche e biochimiche.
  2. Elettrocardiogramma.
  3. Radiografia del torace.
  4. Reazione sierologica alla sifilide.
  5. Analisi delle urine.
  6. Determinazione dell'indice protrombinico.

Per uno studio più completo, tali metodi diagnostici strumentali sono utilizzati come:

  • Angiografia. Aiuta a determinare lo stato dei vasi sanguigni usando un mezzo di contrasto. Rivela anche possibili trombosi, aterosclerosi, aneurisma e cancro.
  • Angioscanning. Viene utilizzato nella diagnosi iniziale di CVB. Questo è uno dei metodi economici e rapidi che non sono pericolosi se usati ripetutamente..
  • Doppler transcranico. La ricerca viene effettuata utilizzando gli ultrasuoni, che consentono di determinare la velocità del flusso sanguigno e i disturbi che si verificano..
  • La scintigrafia cerebrale è uno dei metodi più semplici che non ha praticamente controindicazioni. La sua essenza è l'introduzione di un farmaco radioattivo in una vena, dopo di che viene eseguita una scansione dopo 15 minuti. Durante questo periodo, il radioisotopo si diffonde in tutto il corpo e si accumula nei tessuti che hanno subito cambiamenti patologici..

Un ruolo importante è giocato dalla risonanza magnetica e dalla tomografia computerizzata.

Misure terapeutiche

Solo uno specialista esperto sarà in grado di diagnosticare la patologia e prescrivere la terapia corretta, il cui compito principale è eliminare il danno cerebrale.

Il trattamento farmacologico viene effettuato in modo completo. Innanzitutto, le azioni mirano ad eliminare i fattori di rischio. A tal fine, i farmaci di tali gruppi sono prescritti:

  • farmaci antiipertensivi;
  • anti-sclerotica;
  • ipoglicemico.

Solo dopo aver corretto il metabolismo principale, è possibile procedere direttamente al trattamento della malattia stessa.

Tra i principali gruppi di farmaci che contribuiscono alla normalizzazione della circolazione cerebrale, ci sono:

  1. Antiossidanti - Cerebrolysin, Actovegin, Cerebrocurin.
  2. Metabolica - Sermion, Tanakan, Cavinton.
  3. Antiossidanti: Mekaprin, Ketoprofene.
  4. Farmaci nootropici: glicina, maron, pantogama.
  5. Antispasmodico - Dibazole, Papaverina.
  6. Anticoagulanti di azione diretta (Fraxiparin), indiretto - Warfarin, Fenilin.
  7. Medicinali che promuovono la vasodilatazione (Agapurin, Trental).
  8. Acido acetilsalicilico.

Durante la terapia di base, normalizzare la respirazione esterna, supportare la neuroprotezione e l'omeostasi.

  1. Airways sanitized, ventilazione polmonare artificiale.
  2. Se si verificano sintomi di insufficienza cardiaca, vengono utilizzati farmaci come Pentamina e Lasix.
  3. In caso di insufficienza del ritmo cardiaco, la terapia antiaritmica viene eseguita utilizzando i farmaci Korglikon e Strofantin.
  4. Per il sollievo delle funzioni vegetative, viene prescritta difenidramina o aloperidolo.
  5. In caso di edema cerebrale - Mannitolo e Furosemide.

L'ossigenazione iperbarica viene utilizzata per saturare il sangue con l'ossigeno e il suo normale flusso nel tessuto. L'essenza di questo metodo è che il paziente viene posto in una camera in cui viene eliminata la carenza di ossigeno nei tessuti a causa dell'aria pulita. Questa procedura può migliorare significativamente la vita e prevenire possibili complicazioni..

Intervento chirurgico

Nelle forme gravi della malattia che non sono suscettibili di cure mediche, è necessario condurre operazioni, a seguito delle quali vengono rimosse placche aterosclerotiche e coaguli di sangue dalle arterie. Il lume delle navi aumenta a causa del posizionamento dei cateteri in esse.

La terapia chirurgica viene eseguita per emorragia intracerebrale e aneurismi arteriosi..

Metodi di medicina tradizionale

Con le malattie cerebrovascolari, il trattamento con rimedi popolari non è escluso. Delle ricette più comprovate, vengono utilizzate le seguenti:

  • Asciugare la radice di peonia. Dopodiché, tritalo finemente e versa acqua bollita. Lasciare fermentare per 60 minuti. Si consiglia di usare un cucchiaio fino a 5 volte al giorno.
  • Ruota il limone e l'arancia in un tritacarne (2 pezzi ciascuno). Mescola la massa risultante con miele liquido e mescola bene fino ad ottenere una massa omogenea. Devi insistere in un posto fresco 24 ore. Prendere al mattino, a pranzo e la sera per 1 cucchiaio. cucchiaio.

Va ricordato che solo con tali metodi è impossibile sbarazzarsi della malattia. Possono essere usati solo in aggiunta al trattamento principale..

Prevenzione e prognosi

Per prevenire la patologia, è importante aderire a una serie di raccomandazioni:

  1. Rifiutare da cattive abitudini.
  2. Traccia il peso.
  3. Mangia correttamente.
  4. Esegui semplici esercizi fisici ogni giorno.
  5. Adottare misure tempestive per il trattamento di malattie concomitanti.

Ai fini della profilassi, possono anche essere prescritti farmaci che inibiscono la coagulazione del sangue e migliorano la circolazione sanguigna..

La malattia cerebrovascolare è una malattia così grave che può rappresentare una seria minaccia alla vita umana..

La prognosi della vita dipenderà in gran parte dalla tempestiva assistenza medica fornita. La cosa principale è ricordare che in nessun caso dovresti impegnarti in un trattamento indipendente senza prescrizione medica.

E 'Importante Essere Consapevoli Di Vasculite